160x142_banner_banksy.gif

Venerdì, 16 Luglio 2021 15:13

Con gli Uffizi Dante torna nel Castello dove scrisse parte della Divina Commedia  

Scritto da 

Dal 17 luglio al 30 novembre 2021, nella rocca medievale dei Conti Guidi a Poppi in Casentino, la mostra "Nel Segno di Dante. Il Casentino nella Commedia”, nell’ambito dei progetti "Uffizi Diffusi" e "Piccoli Grandi Musei"

AREZZO - Apre il 17 luglio la mostra  "Nel Segno di Dante. Il Casentino nella Commedia”, ospitata nel castello dei conti Guidi a Poppi in Casentino, in provincia di Arezzo, dove Dante scrisse parte della Divina Commedia. Il Casentino accolse Dante nel suo esilio, quando ancora sperava in un ritorno in patria che invece non avvenne mai.

La mostra, che apre il programma espositivo "Terre degli Uffizi", ideato e realizzato dal celebre museo fiorentino insieme alla Fondazione Cr Firenze, all'interno dei rispettivi progetti "Uffizi Diffusi" e "Piccoli Grandi Musei”, illustra, prima di tutto i fatti storici.

Ben prima che Firenze riabilitasse il suo "onorevole cittadino", il Casentino invece lo aveva accettato, cogliendo anche l'occasione di una rivalsa sulla città del Giglio. Anche il catalogo, che accompagna la mostra, presenta una serie di riflessioni e temi che raccontano come la figura di Dante abbia veramente pervaso la storia del territorio e contribuiscono a rivelare il ruolo di primo piano del Casentino nella vicenda umana e culturale del Sommo Poeta.

Le opere dell'esposizione sono state scelte in relazione alle tre Cantiche della Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso; quelle provenienti dagli Uffizi testimoniano l'amore per il poema dantesco nel corso della storia. Ne è prova l'opera principale della mostra, il grande dipinto ottocentesco acquistato dalle Gallerie lo scorso anno in occasione del primo Dantedì, Francesca da Rimini nell'Inferno dantesco (1810), del romantico Nicola Monti, così come i pastelli di Beatrice Ancillotti Goretti (Sposalizio di San Francesco con la Povertà, 1903). Ma anche quattro disegni cinquecenteschi della Commedia di Federico Zuccari, marchigiano trapiantato a Firenze e scelto per portare a termine gli affreschi della cupola di santa Maria del Fiore, rimasti incompiuti alla morte di Vasari.

"Con l'inaugurazione di questa mostra - dichiara il sindaco di Poppi Carlo Toni - siamo il primo Comune toscano a partire con 'Terre degli Uffizi', consolidando il rapporto di collaborazione avviato con successo nel 2018 fra l'amministrazione comunale di Poppi e le Gallerie degli Uffizi. Dopo mesi di pandemia e chiusure, facendo leva sulla nostra identità storica e culturale ripartiamo uniti più che mai per un nuovo corso o meglio, parafrasando il titolo di un'altra celebre opera letteraria di Dante, per una 'Vita Nova'".

"Il Casentino è valle dantesca - osserva il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt - e proprio nel Purgatorio il Poeta lo abbraccia tutto con gli impareggiabili versi panoramici 'indi la valle, come 'l dì fu spento, da Pratomagno al gran giogo coperse di nebbia...' (V, 115-117). Se nella sua varietà paesaggistica questa parte d'Italia si offre quasi come una scenografia naturale delle Cantiche, nella Divina Commedia ritroviamo puntualmente celebrati anche la storia, i personaggi, i fiumi, le cime e i centri spirituali di questo territorio meraviglioso, l'Arno e l'Archiano 'rubesto', Campaldino e Romena, il 'gran sasso' della Verna... Dante è il genius loci del Casentino stesso, e proprio sulle orme del Sommo Poeta i viaggiatori del Grand Tour sono arrivati in Casentino".

"Oggi - sottolinea il presidente della Fondazione Cr Firenze Luigi Salvadori - inauguriamo la prima rassegna di questo importante progetto che segna l'avvio di una stabile collaborazione col più importante museo italiano. Ma è anche il proseguimento di un nostro importante programma decennale di marketing culturale territoriale avviato nel 2005, chiamato Piccoli Grandi Musei, che ha avuto l'intuizione, molto prima che il fenomeno esplodesse, di far conoscere le bellezze meno conosciute della nostra terra e le sue specifiche identità. Complessivamente esso ha coinvolto 96 piccole realtà museali che proprio grazie a questo intervento hanno visto crescere i loro visitatori che sono stati quasi un milione e sono stati oggetto di 220 interventi permanenti, 71 mostre, ben 41mila attività di mediazione culturale. Un grande lavoro di squadra che è oggi ancora più necessario per valorizzare questa rete di musei considerati minori ma che sono anch'essi custodi di un inestimabile patrimonio storico-artistico".

Ultima modifica il Venerdì, 16 Luglio 2021 15:18


250x300px.png

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio