160x142-banksySarzana.gif

Venerdì, 07 Maggio 2021 12:07

L’Arte in Ticino in mostra al MASI di Lugano

Scritto da 

Dal 9 maggio in mostra le opere della collezione, in un percorso espositivo che segue alcune tappe fondamentali: dal tardo Romanticismo al Realismo, dall'Impressionismo fino al Post-Impressionismo; attraverso il Simbolismo, l'Espressionismo, la Nuova Oggettività e il Realismo Magico si giunge alle prime fioriture del Surrealismo

Marianne von Werefkin, Il Ticino, 1927, Olio e tempera su cartone, 44.3 x 58 cm, Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano. Collezione Cantone Ticino. Marianne von Werefkin, Il Ticino, 1927, Olio e tempera su cartone, 44.3 x 58 cm, Museo d'arte della Svizzera italiana, Lugano. Collezione Cantone Ticino.

LUGANO - Sentimento e osservazione - Arte in Ticino 1850-1950 è il titolo del percorso espositivo proposto dal MASI, Museo d’arte della Svizzera italiana di Lugano, a partire dal 9 maggio 2021. La presentazione delle collezioni del MASI, arricchita da alcune importanti opere in prestito, intende offrire una visione di come l'arte in Ticino – a partire dalla fondazione dello Stato federale nel 1848 fino alla fine della seconda Guerra mondiale – si sia dinamicamente evoluta nel suo contesto culturale specifico, e mostrare le influenze, provenienti da Sud e dal Nord, che si sono affermate nella regione. 

Già dal XIX secolo, molti artisti provenienti dalla Svizzera tedesca e da altri paesi d’Oltralpe, cominciano a soggiornare in Ticino, inizialmente in modo sporadico e temporaneo e poi, a partire dall'inizio del XX secolo, sempre più spesso vi si trasferiscono definitivamente. Negli anni tra il 1850 e il 1950, in accordo col clima politico e culturale dell’epoca, nel mondo dell'arte ticinese si riscontra o un dinamico attaccamento alla tradizione italiana, o un fiorente regionalismo ticinese, o anche una lenta ma inesorabile apertura ai movimenti moderni provenienti dal Nord. Solo a partire dalla fine degli anni Cinquanta del Novecento, quando la scena artistica italiana trova un posto all’interno del contesto dell'avanguardia internazionale, questi contrasti cominciano ad allentarsi e anche gli artisti ticinesi vivono la propria appartenenza identitaria in modo diverso.

La presentazione delle collezioni del MASI è strutturata cronologicamente in cinque parti: un primo capitolo “Paesaggio e storia”, traccia il modo in cui, a partire dalla nascita della Confederazione, si riveli una coscienza identitaria-nazionalistica anche nella pittura di paesaggio svizzera e come per la prima volta il paesaggio ticinese diventi un soggetto interessante per i pittori provenienti da entrambi i versanti delle Alpi. La sezione successiva, “Il paesaggio come simbolo”, rende evidente come nel movimento europeo del Simbolismo le opere dei pittori ticinesi si fondano in modo naturale con quelle di artisti italiani e svizzeri tedeschi. Anche il capitolo successivo, “Sentimento e atmosfera”, è dedicato al paesaggio. Post-impressionismo e Divisionismo formano un orizzonte stilistico comune per una visione meridionale e settentrionale del paesaggio. La sezione “Osservazione della vita quotidiana” unisce diverse concezioni artistiche della pittura di genere a cavallo tra il XIX e il XX secolo, dal Verismo alla Poesia del quotidiano, fino al Realismo magico e alla Nuova oggettività. Infine, con l’ultima sezione “Sguardi moderni”, si vede come precocemente anche in Ticino, grazie al trasferimento di molti artisti, il cubo-futurismo e l’espressionismo stravolgano la concezione tradizionale di forma e colore. 

La mostra ambisce a rendere più comprensibile la storia dell'arte ticinese, integrando sia ciò che ha suscitato interesse ed è stato collezionato nella regione, sia ciò su cui si sono confrontati e ciò che hanno creato artisti locali e stranieri in Ticino. Non si tratta dunque di un punto di arrivo, ma piuttosto dell'inizio di un'indagine che apre molteplici temi e domande.

masilugano.ch

Ultima modifica il Venerdì, 07 Maggio 2021 12:09


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio