160x142_banner_banksy.gif

Martedì, 27 Aprile 2021 09:50

Fotografia. SMARTeen Ager, un innovativo progetto digitale per avvicinare gli studenti al proprio territorio. Immagini

Scritto da 

Un’iniziativa didattica promossa dall’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Eugenio Pantaleo" di Torre Del Greco (NA), ideata e realizzata in collaborazione con Onde Alte, società benefit di innovazione sociale 

Creative Gym Photo Edition Fotolibro Team 8 Creative Gym Photo Edition Fotolibro Team 8

NAPOLI - Trasformare le emergenze e le difficoltà in opportunità. Con questo presupposto è nato il progetto SMARTeen Ager, l’iniziativa didattica promossa dall’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore "Eugenio Pantaleo" di Torre Del Greco (NA), ideata e realizzata in collaborazione con Onde Alte, (https://www.ondealte.com/), società benefit di innovazione sociale con l’obiettivo di alzare il livello di consapevolezza e di azione verso le tematiche sociali della cittadinanza attiva, del valore condiviso e del bene comune.

Si tratta di un progetto basato sull’apprendimento attivo e collaborativo attraverso la sperimentazione di metodologie didattiche innovative

Il progetto, che ha preso il via a febbraio, ha coinvolto 8 scuole da tutta Italia (Torre Del Greco, Matera, Avellino, Rende, Brindisi, Pomezia, Campobasso, Napoli) prevedendo lo svolgimento di 3 laboratori: Future Action Debate, Creative Gym Photo Edition e Bionic Cities,e si concluderà a maggio 2021. 

Ogni laboratorio, interamente in digitale, prevede il coinvolgimento di 40 studenti e studentesse, di età compresa tra i 15 e i 18 anni, 5 per ogni scuola partecipante.

Creative Gym Photo Edition - Città Vive

Creative Gym Photo Edition - Città Vive, è il laboratorio, da poco concluso,  in cui gli studenti hanno sperimentato l’utilizzo delle immagini come strumento di espressione quotidiana per riuscire a raccontare situazioni, condizioni e storie di territori e di persone. 

Nell'ultimo anno le città e i luoghi delle relazioni si sono svuotati, è stato necessario allontanarsi sempre più dai rapporti quotidiani e dai legami sociali. Tuttavia, ci sono delle tracce, degli indizi di resistenza, di rinascita nelle città e nei territori, in cui la spontaneità delle relazioni è ancora presente. Strade, natura, piazze, palazzi, muri e luoghi comuni mostrano segnali di vita. Proprio questa è stata la sfida a cui gli studenti hanno dovuto rispondere, sfidandosi a suon di scatti fotografici. 

In questo complesso periodo storico che stiamo vivendo, con Creative Gym Photo Edition - Città Vive, abbiamo voluto accompagnare studenti e studentesse in un percorso creativo per esprimersi e raccontare ciò che sentono e vivono attraverso il linguaggio meraviglioso della fotografia, con l'intento di portarli a cogliere e sentire segnali di vita nei loro territori - racconta Massimiliano Ventimiglia, CEO e fondatore di Onde Alte - La scuola è un grande bene comune. Qualcosa di cui ogni cittadino, di ogni età, genere e geografia, dovrebbe avere la massima cura. Alla scuola affidiamo la speranza di una società diversa, di una comunità più unita, equanime e solidale. Il desiderio di un pianeta migliore”

Dopo una prima parte di formazione, in cui sono state condivise alcune regole per scattare una buona fotografia, i ragazzi sono stati accompagnati da alcuni mentor esperti di Onde Alte nella realizzazione di un fotolibro che illustra il percorso fatto da ciascun team. 

Il laboratorio ha visto la presenza di Matteo de Mayda, fotografo di fama nazionale ed internazionale, oggi parte del gruppo di fotografi di Contrasto (https://www.contrasto.it/)  che ha supportato i ragazzi con indicazioni e consigli pratici di fotografia.

Raccontare la rinascita e la sopravvivenza in piena terza ondata di Coronavirus sarebbe stato un compito complesso per chiunque. Farlo con un workshop a distanza, poi, ha avuto non pochi limiti di interazione e di rapporto umano tra i partecipanti - commenta Matteo De Mayda - Gli studenti, però, hanno affrontato le lezioni con un entusiasmo invidiabile e, nonostante tutte le restrizioni, hanno esplorato i loro quartieri cogliendone un filo espressivo. Sono riusciti a trovare un piccolo spaccato narrativo della propria quotidianità che potesse esprimere fiducia in ciò che stiamo vivendo. C’è stato addirittura chi ha deciso di mettersi in discussione cambiando completamente direzione durante il percorso, il che è un piccolo segno di giovane saggezza, da cui trarre ispirazione. Il risultato, in poche lezioni, ha un’importanza relativa rispetto al processo di conoscenza fatto insieme. Che poi, non dovrebbe essere questo l’obiettivo della fotografia?”.

Prossimo appuntamento: Bionic Cities

Bionic Cities, l’ultimo laboratorio online del progetto SMARTeen Ager avrà inizio il 19 aprile. Con Bionic Cities, gli studenti verranno guidati a visualizzare e ricostruire, attraverso la realtà virtuale e aumentata, la propria città nel futuro immaginando il modo in cui verrà impattata dalla evoluzione delle tecnologie e dall’integrazione con la natura (biodesign).

Il 31 maggio, si terrà un unico grande evento di chiusura che coinvolgerà tutti i partecipanti ai 3 laboratori, con l’obiettivo di condividere i percorsi fatti, gli strumenti utilizzati e gli output progettuali dei laboratori. 

Ultima modifica il Martedì, 27 Aprile 2021 10:14


250x300px.png

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio