160x142_banner_banksy.gif

Mercoledì, 19 Maggio 2021 11:24

Digitalizzato in gigapixel lo Stendardo della Santissima Trinità, unica opera di Raffaello a Città di Castello. Le immagini

Scritto da 

L’opera, una delle primissime attribuzioni all’Urbinate, è stata digitalizzata da Haltadefinizione in vista della mostra “Raffaello giovane a Città di Castello e il suo sguardo”, curata da Marica Mercalli e Laura Teza, che si inaugurerà il 18 settembre presso la Pinacoteca comunale di Città di Castello

PERUGIA -  Lo Stendardo della Santissima Trinità,unica opera di Raffaello a Città di Castello, è stato digitalizzato in gigapixel dalla tech company di Franco Cosimo Panini Editore, Haltadefinizione. 

Il lavoro su quest’opera, una delle primissime attribuzioni a Raffaello, avviene dopo la recente operazione di ricollocazione del clone dello Sposalizio della Vergine nella Chiesa di San Francesco. 

La digitalizzazione è stata realizzata prima dell’intervento di restauro condotto dall’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) in vista della mostra “Raffaello giovane a Città di Castello e il suo sguardo”, curata da Marica Mercalli e Laura Teza, che si inaugurerà il 18 settembre presso la Pinacoteca comunale di Città di Castello. 

Attraverso l’acquisizione con tecnologia gigapixel, sarà possibile avere un fermo immagine dettagliato dello stato di conservazione appena prima del restauro e una visione ravvicinata della superficie pittorica, che consentirà di mappare in modo approfondito ogni singola pennellata e le crettature con una precisione nell’ordine di decine di micron. In questi casi, l’acquisizione in alta definizione di un’opera d’arte, è un valido supporto per individuare forme di degrado come sollevamenti o distacchi della pellicola. 

“E’ importante l’intervento di Haltadefinizione sullo Stendardo per il ruolo che Città di Castello ha avuto nella vita artistica del grande Raffaello ed anticipa una delle opere centrali della mostra prevista a settembre nell’ambito del Cinquecentenario” - commenta l’assessore alla Cultura Vincenzo Tofanelli -  “La mostra è infatti un’occasione importante per approfondire il periodo di formazione tifernate nell’arte di Raffaello. Ringrazio Haltadefinizione per avere condiviso questa valutazione. Spero che la collaborazione possa continuare in nome dell’arte”. 

“Il progetto dedicato al ricollocamento dopo 222 anni del clone dello Sposalizio a Città di Castello, realizzato in collaborazione con il Comune e la Pinacoteca di Brera, è stato un grande successo. Siamo felici di essere tornati in città per digitalizzare l’unica opera di Raffaello presente” -  afferma Luca Ponzio, fondatore di Haltadefinizione - “l’acquisizione dello Stendardo con le nostre tecnologie d’avanguardia in futuro potrà essere funzionale per il monitoraggio e per la valorizzazione del dipinto. Inoltre, la collettività adesso può accedere alla visione del capolavoro anche a distanza in forma digitale. Tra le straordinarie opportunità che offre la digitalizzazione, spicca quella di essere un prezioso supporto per studiosi e ricercatori di tutto il mondo”.

Ultima modifica il Mercoledì, 19 Maggio 2021 11:30


250x300px.png

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio