160x142_banner_banksy.gif

Mercoledì, 12 Maggio 2021 17:04

A Marina Abramovic il Premio Principessa delle Asturie per le Arti, considerato il Premio Nobel spagnolo

Scritto da 

La “regina" della Performance Art è stata  insignita del prestigioso riconoscimento e riceverà una scultura di Joan Miró e un assegno di 50 mila euro nella cerimonia che si terrà in autunno ad Oviedo alla presenza del re e della regina di Spagna

MADRID - La “regina" della Performance Art, Marina Abramovic riceverà il Premio Principessa delle Asturie per le Arti, considerato il Premio Nobel spagnolo. L’artista è stata scelta tra 59 candidati di 24 nazionalità.

Con una carriera di oltre cinquant'anni, l'acclamata performer ha dedicato la sua vita a un'opera che esplora "i limiti del corpo e della mente attraverso performance rischiose e complesse in una costante ricerca della libertà individuale", secondo la motivazione del premio della Fondazione Principessa delle Asturie. 

Considerata una delle grandi pioniere delle performance, Abramovic ha iniziato la sua carriera nei primi anni '70 con la serie "Ritmo", in cui mostrava già le chiavi del suo lavoro e l'uso del proprio corpo come parte della sua arte. Ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Belgrado (1965-1970) e ha completato i suoi studi post-laurea presso l'Accademia di Belle Arti di Zagabria. Tra il 1973 e il 1975 ha insegnato all'Accademia di Belle Arti di Novi Sad.

Dopo essersi trasferita ad Amsterdam nel 1976, Abramovic ha incontrato l'artista tedesco Frank Uwe Laysiepen, nome d'arte Ulay, scomparso lo scorso anno e con il quale ha condiviso parte della sua carriera. L'obiettivo di quei 12 anni di collaborazione con l'artista, che è stato anche suo partner, è stato quello di annullare il senso di sé per plasmare un'entità artistica unica e individuale, capace di trascendere i limiti del pubblico e del privato. L'ultimo lavoro di coppia sia artistico che sentimentale di Ulay e Abramovic risale al 1988 quando camminarono lungo la Grande Muraglia cinese da estremità opposte per unirsi al centro e da lì separare i loro percorsi con una sola parola: "arrivederci".

Nel 1977, in una delle sue interpretazioni più note, "Imponderabilia", Abramovic fece passare lo spettatore tra due corpi nudi. Anche se, forse, il suo lavoro più famoso per il grande pubblico è stata la performance del 2010 al MoMa di New York, quando l'artista è rimasta seduta per 716 ore in silenzio di fronte ai diversi spettatori che la osservavano uno per uno e con i quali non poteva parlare o gesticolare

Nel 2020 il Premio Principessa delle Asturie è stato assegnato al compositore italiano Ennio Morricone - morto poco dopo all'età di 91 anni - e al compositore americano John Williams per le loro iconiche colonne sonore per centinaia di film. Nel recente passato il Premio per le Arti è stato attribuito all'architetto Frank Gehry (2014), all'artista Rafael Moneo (2012) e al direttore d'orchestra Riccardo Muti (2011).

La cerimonia di consegna del premio "Principessa delle Asturie" si terrà in autunno ad Oviedo alla presenza del re e della regina di Spagna.

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Maggio 2021 17:54


300x250_banner_banksy.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio