160x142-banksySarzana.gif

Si sono concluse nei giorni scorsi le operazioni di scavo della prima campagna di ricerche archeologiche a Monte d'Elia ad Alezio (provincia di Lecce), condotte dal Laboratorio di Archeologia classica dell'Università del Salento, che forniscono nuovi ed interessanti indizi su questa misteriosa civiltà risalente a oltre 2.500 anni fa

Pubblicato in Attualità

La scoperta è avvenuta a Sirolo. Gli scavi sono stati diretti dall'archeologo Stefano Finocchi della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti, e Paesaggio delle Marche e condotti dalla cooperativa ArcheLAB

Pubblicato in Dal territorio

Martedì 1 dicembre ore 18.00 conferenza online con Christian Greco, Direttore del Museo

Pubblicato in Appuntamenti

A partire dal 2 gennaio e per tutto il 2020 il fiore accompagnerà le celebrazioni per i cinquecento anni dalla morte del grande Maestro

Pubblicato in Attualità

Scoperti nel 2009, durante gli scavi in una  necropoli modenese di epoca tardo-antica (IV-VI secolo), i due individui, sepolti nella stessa  tomba e deposti mano nella mano, si pensava fossero un  uomo e una donna. Le nuove ricerche hanno invece smentito questa ipotesi

Pubblicato in Attualità

Un ritrovamento storico annunciato dal ministro delle Antichità egiziano, Khaled el Anany. Si tratta di un sepolcro di un sacerdote chiamato "Wahtye", vissuto all'epoca del faraone Neferirkare Kakai

Pubblicato in Attualità

L’importante scoperta, riportata dalla rivista "Archeologia Viva”, si deve a una missione Italo-Spagnola, co-diretta da Andrea Polcaro dell'Università di Perugia e Juan Muniz della Pontificia Facultad San Esteban

Pubblicato in Attualità

Lo straordinario ritrovamento è opera di Priscilla Munzi, ricercatrice del Centre Jean Berard (Cnrs -  L'École française de Rome) e Jean-Pierre Brun, professore del College de France, che dal 2001 lavorano per riportare alla luce la necropoli della città situata nel Parco archeologico dei Campi Flegrei

Pubblicato in Attualità

Progettata da Giorgio Vasari, nella Basilica di Santa Croce a Firenze, la tomba è stata sottoposta a una accurata pulitura che ha riportato i marmi di Carrara al loro splendore e lucentezza originaria

Pubblicato in Restauri

Si tratta del Sepolcro dei Corneli che però deve il suo nome ai Barberini che furono ultimi proprietari del terreno corrispondente all'area del Parco. L'edificio è stato stato messo in sicurezza con una spesa complessiva di 250mila euro

Pubblicato in Attualità
Pagina 1 di 3


300x250-banksySarzana.gif

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio