IMG_4882.JPG

Mercoledì, 14 Marzo 2018 13:38

Rai Storia. “Medioevo da non credere”

Scritto da 

Giovedì 15 marzo alle 22.10 un documentario ideato e scritto dal professor Alessandro Barbero e Davide Savelli per la regia di Monica Taburchi

Secondo il professor Alessandro Barbero il Medioevo è un periodo su cui grava una serie di pregiudizi e falsità. Il documentario che andrà in onda su Rai Storia per “Speciale a.C.d.C.” sfatta una serie di questi  luoghi comuni.

In primo piano, le storie di signori feudali e servi della gleba: come vivevano davvero? Quali erano il ruolo e la funzione dei cavalieri? Come erano i castelli? Come funzionava l’università? Esisteva lo ius primae noctis? A queste e ad altre domande risponde “Medioevo da non credere” che si propone di superare i vecchi clichés del “periodo buio” e cercare di capire meglio cosa sia veramente successo in un millennio decisivo per la storia dell’Europa in cui viviamo oggi.

“Il Medioevo – dice il professor Barbero, docente all’Università del Piemonte Orientale – è completamente diverso da quello che pensiamo. Anzi, è stato addirittura un po’ ‘calunniato’ come un periodo buio. E invece, è da lì che è partita la nostra modernità”.

Il documentario è stato girato con l’aiuto di alcuni gruppi storici di rievocatori in alcuni luoghi medievali tra i meglio conservati in Italia, come il Ricetto Comunitario di Candelo e il Castello di Fènis e, inoltre,  all’Armeria del Museo Reale di Torino e al Borgo Medioevale di Torino. Un luogo simbolo, quest’ultimo, di tutto il nostro “bizzarro” immaginario medioevale.

Ultima modifica il Mercoledì, 14 Marzo 2018 14:10



IMG_4884.JPG

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio