160x142-banksy-palermo.gif

Domenica, 03 Maggio 2020 18:09

Coronavirus. Con la Fase 2 riprendono le attività di restauro dei beni culturali

Scritto da 

Proprio nei giorni scorsi le tre principali associazioni della categoria Ari (Associazione Restauratori d'Italia), Cna e Ora avevano lanciato un appello "urgente" al governo per autorizzare la ripresa dell'attività 

ROMA  - I restauratori dei beni culturali, dal 4 maggio, potranno tornare a lavorare. Con le riaperture decise dal Governo nella Fase 2, infatti,  riprendono anche le attività di restauro finalizzate alla conservazione di opere d'arte quali quadri, affreschi, sculture, mosaici, arazzi, beni archeologici. E’ quanto si legge nelle Faq pubblicate sul sito del Governo.

“Tali attività non sono infatti sostanzialmente riducibili a profili ricreativi o artistici di cui al codice Ateco 90.0, essendo invece riconducibili alle attività assentite nell'allegato 3 del d.P.C.M. 26 aprile 2020 del restauro di edifici storici e monumentali (41.20), dell'industria del legno (16), di architettura, ingegneria, collaudo e analisi tecniche (71) e alle altre attività professionali, scientifiche e tecniche (74) nonché alle riparazioni di beni mobili”. 

Proprio nei giorni scorsi le tre principali associazioni della categoria Ari (Associazione Restauratori d'Italia), Cna e Ora avevano lanciato un appello "urgente" al governo per autorizzare la ripresa dell'attività a partire dal 4 maggio.

Ultima modifica il Domenica, 03 Maggio 2020 18:14


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio