L'edificio era chiuso da due decenni, e le opere erano in esilio; grandi autori: Daddi, Donatello, Lippi.