IMG_4882.JPG

Mercoledì, 10 Ottobre 2018 11:20

A Palazzo Blu di Pisa arrivano i capolavori surrealisti

Scritto da 

Dall'11 ottobre 2018 al 17 febbraio 2019, circa 150 lavori provenienti dal Centre Pompidou di Parigi sono esposti nella mostra "Da Magritte a Duchamp 1929" 

 René Magritte, Gli Amanti 1928 olio su tela René Magritte, Gli Amanti 1928 olio su tela

PISA - Un grande evento espositivo quello che Palazzo Blu di Pisa ospita a partire dall'11 ottobre, grazie ai prestigiosi prestiti provenienti dal Centre Pompidou di Parigi. La mostra dal titolo "Da Magritte a Duchamp 1929" propone un inedito percorso di oltre 150 capolavori, tra dipinti, sculture, oggetti, disegni, collage, installazioni e fotografie d'autore, che illustrano la straordinaria avventura dell'avanguardia surrealista. 

Curata da Didier Ottinger, direttore del Centre Pompidou e del Musée national d'art moderne di Parigi, nonché tra i massimi esperti al mondo dell'opera di Magritte, di Picasso e del Surrealismol’esposizione intende accompagnare i visitatori alla scoperta di un movimento che ha profondamente mutato l'arte del XX secolo.

E’ il 1929 quando il teorico dell'avanguardia André Breton, insieme al poeta Louis Aragon, cerca di modificare il movimento dalle sue fondamenta teoriche, nonostante non tutti i membri siano d’accordo. A dicembre, sulla rivista “Revolution Surrealiste”, Breton pubblica il Secondo manifesto surrealista che sancisce l'allineamento al Partito comunista francese e imprime al movimento la nuova svolta “ragionante”. 

Magritte, Dalí, Duchamp e Picasso sono i protagonisti indiscussi di questa nuova stagione creativa, a cui si aggiungono diversi altri celebri surrealisti. La rassegna pisana ripercorre questa incredibile stagione, realizzando una presentazione completa ed esaustiva del movimento. 

Ad accogliere il visitatore una grande varietà di opere di primaria importanza, per la maggior parte realizzate tra il 1927 e il 1935. Tra queste il capolavoro di Magritte intitolato Le double secret, opera tra le più iconiche del Maestro. In mostra anche Le modèle rouge di Magritte, del 1935, lo strano paio di scarpe-piedi che rimanda a una realtà inventata, al sogno e persino alla sfera del mostruoso. Di Salvador Dalí, sono presenti Dormeuse, cheval, lion invisibles del 1930 e L’âne pourri di poco precedente, del 1928.

Ci sono poi i collage di Max Ernst, le sculture di Alberto Giacometti e Man Ray,  le maschere in filo di ferro di Alexandre Calder e ancora gli altri grandi dipinti di Picasso, Mirò, De Chirico, solo per citarne alcuni. Il percorso espositivo culmina con  Marcel Duchamp e con l'opera L.H.O.O.Q (1930),  dissacrante interpretazione del dipinto più celebre e enigmatico del mondo, La Monna Lisa di Leonardo da Vinci. 

Vademecum

Da MAGRITTE a DUCHAMP
1929: Il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou
BLU | Palazzo d’arte e cultura
Lungarno Gambacorti 9
Tel. 050 22 04 650
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
11 ottobre 2018 – 17 febbraio 2019
Orari / Opening hours
Lunedì-Venerdì 10.00 – 19.00
Sabato-Domenica e festivi 10.00 – 20.00
(La biglietteria chiude un’ora prima della chiusura)
Biglietti (audioguida inclusa):
Intero Euro 12,00
Ridotto Euro 10,00
Ridotto speciale Euro 5,00
Biglietteria online:
http://www.surrealismopisa.it/
Informazioni online:
https://www.palazzoblu.it
https://www.facebook.com/PalazzoBluPisa/
http://www.surrealismopisa.it/

 

 

Ultima modifica il Giovedì, 11 Ottobre 2018 11:49



IMG_4884.JPG

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio