160x142-banksySarzana.gif

Lunedì, 01 Marzo 2021 11:39

“Child abuse”, una mostra in forma di film per sensibilizzare sulla delicata tematica dell’abuso sui minori

Scritto da 

Il filmostra nasce all’interno del Progetto europeo ProChild, ed è promosso in Italia da Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, IRCCS Policlinico di S. Orsola e Genus Bononiae. Musei nella Città

Maurizio Cattelan, Cuore, pezzo di ricambio, 1988, Galleria Enrico Astuni Maurizio Cattelan, Cuore, pezzo di ricambio, 1988, Galleria Enrico Astuni

BOLOGNA - Sono 15 gli artisti coinvolti nel progetto “Child abuse”, il filmostra d’arte contemporanea che tratta il delicato tema dell’abuso sui minori. 

E’ stato stimato che sono oltre 100mila i bambini nel nostro Paese vittime di violenza, un terzo delle quali si consuma in ambito domestico: numeri drammatici, che il contesto pandemico, con la forzata permanenza in ambito domestico, pare aver esacerbato. Un problema che l’OMS ha definito “di salute pubblica”, con un preoccupante aumento delle violenze sui più piccoli, che si associa ai rischi psicologici dell’isolamento e all’incremento delle nuove povertà.

Il progetto è stato ideato e curato da Eleonora Frattarolo, con la regia di Davide Mastrangelo. L’idea iniziale di una mostra che avrebbe dovuto essere allestita a Bologna ha dato vita, con il perdurare dell’emergenza sanitaria, a un ulteriore sviluppo del progetto, con il filmostra d’arte contemporanea che coinvolge: Maurizio Cattelan, Elisabetta di Sopra, Giosetta Fioroni, Luciano Leonotti, Eleonora Mazza, Paolo Migliazza, Gianni Moretti, Rufoism, James Rielly, Edoardo Sessa, Vanni Spazzoli, Sandra Tomboloni, Massimiliano Usai, Nicola Vinci, Silvia Zagni – e include nella narrazione anche i galleristi prestatori di opere, i legali e i medici afferenti al reparto di Pediatria d’Urgenza e al Pronto soccorso Pediatrico del Policlinico S. Orsola.

“Child abuse” mostra sculture, video d’artista, dipinti, fotografie, installazioni, prospettando così una linea di ricerca creativa che assolve anche a un’importante comunicazione sociale e si avvale di differenti linguaggi, o esplicitamente politici, o relativi a sottili dinamiche psichiche, o ancora rappresentativi di una feroce quotidiana banalità del male. Opere dove il tempo “perduto” dell’abuso non è affatto rimovibile, né da celare, perché svelandolo s’innerva nella coscienza dell’io dell’Autore e del riguardante, e quindi, attraverso la crescita individuale produce, per vie intricate e inaspettate, la storia. Anche la grande storia. 

 Il film sarà visibile sul sito prochildproject.org, sul sito del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi www.aosp.bo.it e  su piattaformaventiventi.genusbononiae.it (sezione “Archivio”).

“CHILD ABUSE” Filmostra d’arte contemporanea

Opere di:

Maurizio Cattelan, Cuore, pezzo di ricambio, 1988

Elisabetta di Sopra, The care, 2019

Giosetta Fioroni, Autoritratto a nove anni, 1966

Luciano Leonotti, Rituali, 2000 - 2015

Eleonora Mazza, Senza titolo, 2000; Dimensioni verticali, 2020; Il compleanno, 2019; Aletheia, 2020;

Alice, 2020; Mary, 2020

Paolo Migliazza, We are not super heroes, 2017-2020

Gianni Moretti, E se non potrò dimenticarti almeno non t’incontrerò più, 2021

Rufoism, Due tranquilli, 2016

James Rielly, Fear of gun, 2009

Edoardo Sessa, Quel che rimane nei cassetti, 2021

Vanni Spazzoli, Pierino e il lupo, 1989

Sandra Tomboloni, Orfani, 2014

Massimiliano Usai, Pace libera Tutti, 2018; Rosalia Kali Parinati, 2019

Nicola Vinci, Storie, 2013

Silvia Zagni, L’isola delle scalze, 2020; Sarcofago, 2020

PROCHILD (PROtection and support of abused CHILDren through multidisciplinary intervention) è un Progetto biennale coordinato dall’Università di Bologna contro la violenza sui Minori per età, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza (REC) 2014-2020. Il Progetto, coordinato dal Professor Marcello Lanari, Direttore Pediatria d’Urgenza e Pronto Soccorso Pediatrico IRCCS Policlinico di Sant’Orsola, vede capofila l’Italia e coinvolge Organizzazioni governative ed universitarie di sei Paesi europei (Finlandia, Francia, Regno Unito, Grecia, Germania e Italia) con una profonda e diversificata esperienza. PROCHILD mira ad affrontare il fenomeno della frammentazione dei servizi di protezione e supporto ai minori vittime di violenza e creare una rete multidisciplinare tra stakeholder, replicabile in tutta la regione europea, nell’ambito dei servizi per la tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.  Il progetto affronta il fenomeno della sottonotifica o mancanza di segnalazione e denunce dei casi di violenza, e definisce un approccio comune basato sulla complementarietà delle competenze per il supremo interesse del Minore.

Ultima modifica il Martedì, 02 Marzo 2021 15:27


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio