160x142-banksySarzana.gif

Venerdì, 12 Febbraio 2021 16:01

Il MAR, Museo d’Arte di Ravenna annuncia le nuove date della mostra dedicata a Dante “Le Arti al tempo dell’esilio”

Scritto da 

L’esposizione, curata da Massimo Medica, sarà aperta dal 24 aprile al 4 luglio 2021 nella Chiesa di San Romualdo. Nel frattempo saranno online tre virtual tour

Manno Bandini da Siena, Statua di Bonifacio VIII, legno e rame dorato, Bologna Museo Civico Medievale - particolare Manno Bandini da Siena, Statua di Bonifacio VIII, legno e rame dorato, Bologna Museo Civico Medievale - particolare

RAVENNA - Il progetto espositivo Dante. Gli occhi e la mente, comprendente le mostre Inclusa est flamma. Ravenna 1921: Il Secentenario della morte di Dante, attualmente in corso presso il Corridoio Grande della Biblioteca Classense (fino al 17 luglio 2021), Le Arti al tempo dell’esilio, che si aprirà il 24 aprile presso la chiesa di San Romualdo e Un’Epopea POP, in programma per il 4 settembre al MAR, sarà fruibile online sulla piattaforma http://www.mar.ra.it/dante-vitual-tour-2021/

All’interno della piattaforma, da cui si accede ai tre virtual tour, sono esplorabili ben 7 ambienti virtuali a 360°, oltre un centinaio gli oggetti esposti e circa 60 contenuti multimediali tra interviste, piccoli documentari e un video musicale pop che contiene un brano composto ed eseguito per l’occasione dall’artista Ivan Talarico, per raccontare la popolarità dei versi danteschi attraverso la citazione di brani di noti cantautori.

Nel percorso di Inclusa est flamma.  Ravenna 1921: Il Secentenario della morte di Dante, a cura di Benedetto Gugliotta, aperta nel settembre 2020, sarà possibile conoscere la storia del Secentenario dantesco che si svolse a Ravenna alla presenza del Ministro della Pubblica Istruzione Benedetto Croce e attraverso l’analisi di celebri opere in mostra, come i sacchi decorati da Adolfo De Carolis col motto “Inclusa est flamma” (“La fiamma è all’interno”) che Gabriele D’Annunzio l'anno seguente donava alla città di Ravenna.

Per le mostre non ancora allestite, i virtual tour saranno invece una sorta di anteprima di quanto si potrà vedere dal vivo presso la chiesa di San Romualdo. Per le mostre Le Arti al tempo dell’esilio, a cura di Massimo Medica e al MAR e Un’Epopea POP, a cura di Giuseppe Antonelli con un percorso d’arte contemporanea a cura di Giorgia Salerno, il virtual tour si configura come un percorso ideale per entrare con gli occhi e con la mente nei progetti espositivi e conoscere le opere in mostra attraverso le parole dei curatori.

Il design e la progettazione del virtual tour sono firmati da Zeranta Edutainment s.r.l. con la consulenza di Jader Giraldi e la produzione multimediale realizzata in collaborazione con Flatmind Videoproduction.

«La cultura è stata duramente colpita dalla pandemia - afferma il Sindaco Michele de Pascale - di recente, rientrando in zona gialla, abbiamo potuto tornare a godere in presenza, seppur in maniera parziale, dei nostri musei. Forte è l’attesa per la riapertura di tutti i luoghi della cultura, questa situazione rappresenta per tutti noi una privazione molto pesante e molto sentita.

In questo periodo di sospensione però non ci siamo fermati e abbiamo lavorato intensamente per mettere a disposizione strumenti e mezzi per poter godere della cultura in maniera digitale, in attesa di farlo “fisicamente”.

A breve inaugureremo il museo Dante, un luogo antico che nel rispetto della sua missione storico-documentale si presenterà con un allestimento fortemente orientato alla contemporaneità digitale. E oggi presentiamo un suggestivo percorso virtuale delle prossime attività espositive dedicate ai diversi aspetti del tempo e della figura del Poeta, che permetterà la visita della mostra anche a distanza superando limiti e confini e contribuirà a rafforzarne ulteriormente l’esperienza».

Ultima modifica il Lunedì, 15 Febbraio 2021 10:35


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio