160x142-banksySarzana.gif

Mercoledì, 03 Febbraio 2021 17:20

"I Peccati" di Johan Creten a Villa Medici. Foto

Scritto da 

Riapre all’Accademia di Francia a Roma la mostra a cura diNoëlle Tissier. Dopo tre mesi di chiusura, l’esposizione, che doveva concludersi a fine gennaio, viene invece prorogata fino al 23 maggio 2021

Johan Creten De Vleermuis (Il Pipistrello), 2014-2019 Accademia di Francia a Roma – Villa Medici Bronzo patinato, fusione a cera persa, titolata, firmata, datata, numerata, sigillo “aquila”, timbro della fonderia. Con incisi un poema di Colin Lemoine e uno di Aggie van der Meer 385 × 230 × 240 cm, 2 345 kg N°1/3 di una edizione di 3 + 1 Prova d'Artista Eseguita a partire da una fontana bronzea realizzata per la città di Bolsward, come installazione permanente e facente parte del progetto 11Fountains di Friesland, 2018 Courtesy Perrotin & Johan Creten Johan Creten De Vleermuis (Il Pipistrello), 2014-2019 Accademia di Francia a Roma – Villa Medici Bronzo patinato, fusione a cera persa, titolata, firmata, datata, numerata, sigillo “aquila”, timbro della fonderia. Con incisi un poema di Colin Lemoine e uno di Aggie van der Meer 385 × 230 × 240 cm, 2 345 kg N°1/3 di una edizione di 3 + 1 Prova d'Artista Eseguita a partire da una fontana bronzea realizzata per la città di Bolsward, come installazione permanente e facente parte del progetto 11Fountains di Friesland, 2018 Courtesy Perrotin & Johan Creten

ROMA - L’arte di Johan Creten è protagonista a Villa Medici con la mostra  "I Peccati”. Come scrive Colin Lemoine nel testo del catalogo, publicato in occasione della riapertura, “con Johan Creten, i peccati non sono sette di numero. Sette, questa cifra implacabile, pari al numero dei sacramenti nella Bibbia e dei colli di Roma. Qui, i peccati  sono  infiniti  e  illimitati,  inesauribili.  Non sono numerabili, ma solo designabili. I peccati non sono tutti capitali, essi possono essere imperiali, imperiosi, periferici, insidiosi, insignificanti, invisibili. Sono sempre al disotto del calcolo e del linguaggio”.

Classe 1963  Creten è un artista inclassificabile e controcorrente, una figura forte enigmatica e intrigante, ma con una visione chiara e attuale della nostra società. Distinguendosi sin dagli anni Ottanta, è oggi una figura di spicco del panorama contemporaneo. 

La mostra, ospitata all’Accademia di Francia a Roma, offre un panorama del suo universo creativo. Virtuoso della ceramica e del bronzo, propone un’arte “slow” ovvero da assaporare lentamente e che permette di riappropriarci del nostro tempo. In tutto lo spazio espositivo è infatti diffusa una nuova serie di “Bolders” in gres smaltato, che invita il pubblico a sedersi, prendere tempo, osservare le opere per scoprirne le connessioni e immergersi in magnifici dettagli: superfici di vetro scintillanti, significati nascosti e metafore.

Il percorso espositivo 

Cinquantacinque le opere in mostra, in bronzo, ceramica e resina, affiancate ad alcune opere storiche di Lucas Van Leyden (1494-1533), Hans Baldung (1484-1545), Jacques Callot (1592-1635), Barthel Beham (1502- 1540) e Paul van Vianen (1570-1614).

La prima sala si apre con una serie di creazioni e ri-creazioni di opere concettuali del  1986. Accanto  a  “The  Garden”  (realizzato  nel  1996-97  durante  la residenza dell’artista a Villa Medici) e a opere più significative come “Présentoir d’Orange” (1989-2017) e “Plantstok” (1989-2012), questa sala mette in discussione il nostro rapporto con l’introspezione e la consapevolezza di noi stessi, evocando il concetto di paradiso perduto e di tentazione.

Nella seconda sala, una nuova monumentale opera in resina “Muses et Méduses”, iniziata nel 2005 e completata nel 2019, dialoga con brani della famosa serie metonimica “Odore di Femmina” (iniziata nel 1998) sulla seduzione, l’ambiguità dei sentimenti e le relazioni umane.

Una terza sezione riunisce opere altamente politiche tra cui il bronzo “Il prezzo della libertà” (2015), “Couch Potatoes” (1997) e una nuova serie di ceramiche “Wargames” (2019).

Lungo la scalinata, si affaccia un gruppo di enigmatici bronzi a sollevare la questione della coscienza morale in una società coinvolta in un continuo movimento, in profonda mutazione. La scultura monumentale “The Herring” domina l’ultima sezione con i suoi 5 metri di altezza.

Una nuova scultura, realizzata in collaborazione con gli storici laboratori della Porzellanmanufaktur Augarten, rivisita una porcellana di Doccia ed è presentata al pubblico per la prima volta.

Vademecum

I PECCATI – JOHAN CRETEN
Proroga fino al 23 maggio 2021
Académie de France à Rome — Villa Médicis
Viale Trinità dei Monti, 1 - Roma
Infoline: +39 06 67611
Visite  guidate  tutti i pomeriggi esclusi il martedi, il sabato e la domenica. 
Prenotazione online consigliata.
Per maggiori informazioni sulle fasce orarie di visita e sulle regole in materia sanitaria: villamedici.it

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Febbraio 2021 17:33


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio