160x142-haring-proroga.gif

Mercoledì, 11 Dicembre 2019 14:39

Hidetoshi Nagasawa al Palazzo Reale di Napoli

Scritto da 

Inaugurata la mostra “Sotto il cielo e sopra la terra”, curata da Anna Imponente, direttore del Polo museale della Campania, che resterà aperta al pubblico fino al prossimo 10 marzo 2020 

NAPOLI - Il Palazzo Reale di Napoli ospita la mostra “Hidetoshi Nagasawa. Sotto il cielo e sopra la terra”, a cura di Anna Imponente, direttore del Polo museale della Campania, realizzata con Paolo Mascilli Migliorini, direttore di Palazzo Reale in collaborazione con la Fondazione CAMUSAC-Cassino Museo D'Arte Contemporanea di Cassino, diretta da Bruno Corà, e con il prezioso contributo di Ryoma Nagasawa.

Scultore tra i più noti a livello internazionale, Nagasawa (Tonei, Manciuria, 1940 - Ponderano, Biella, 2018)  arrivò in Italia a ll'età di ventisette anni, e qui ha trascorso il resto della sua vita.

L’esposizione porta all’attenzione del pubblico la capacità dell’artista di creare opere in perfetta armonia con il tutto, e in cui l'idea di sospensione, il senso di galleggiamento nello spazio acquisiscono centralità.

“Le installazioni di Nagasawa - spiega Anna Imponente - calate nella architettura razionale delle forme geometriche tardo manieriste di Palazzo Reale esprimono, in opposizione, il concetto estetico e filosofico del 'Ma', l'intervallo dello spazio 'vuoto' tra più elementi strutturali, in posizioni indefinite e sospese." 

Tra le opere esposte: nella corte d'onore, il maestoso Pozzo nel cielo, 1995-2014; Barca, 1983-1988, realizzata in ottone e carta, che si aggrappa alle pareti dello Scalone monumentale di accesso; il Groviglio di quanta, 2014 e Matteo Ricci, 2010, composta da otto elementi in marmo di Carrara e acciaio adagiati a terra. Si tratta di installazioni che si appoggiano, appunto, con improbabili equilibri, abitano lo spazio con forza e leggerezza e la solidità dei materiali e la geometria caotica delle forme si contrappone agli spazi dell'edificio.

La mostra propone anche una selezione di opere grafiche in cera e carboncino che configurano galassie e paesaggi, e riecheggiano dell'idea di uno spazio delimitato e concluso, tipico dei giardini orientali.

A corredo della mostra anche un catalogo Graus Editore (Napoli), con i testi di Bruno Corà, Presidente Fondazione Burri, Anna Imponente, Direttore del Polo museale della Campania e curatrice della mostra, Eloisa Saldari, critico d'arte, e con un'introduzione di Paolo Mascilli Migliorini, Direttore del Palazzo Reale di Napoli.

Ultima modifica il Mercoledì, 11 Dicembre 2019 14:46




300x250-banksy-proroga.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio