WEB-160x142.gif

Martedì, 03 Dicembre 2019 08:46

Boldini in mostra alla Pinacoteca De Nittis di Barletta

Scritto da 

Dal 7 dicembre, la prima monografica mai dedicata in Puglia al celebre ritrattista della  Belle Époque, collega di Giuseppe De Nittis a Parigi

Giovanni Boldini, Fuoco d’artificio Olio su tela 1890 Giovanni Boldini, Fuoco d’artificio Olio su tela 1890

BARI - La Puglia celebra Giovanni Boldini con la mostra  Boldini. L’incantesimo della pittura. Capolavori dal Museo Boldini di Ferrara, ospitata dal  7 dicembre 2019, alla Pinacoteca De Nittis di Barletta.

Boldini (Ferrara 1842 – Parigi 1931) è stato uno dei più celebri ritrattisti della Belle Époque assieme a James McNeill Whistler, John Singer Sargent e Joaquín Sorolla e ha immortalato i protagonisti del tempo, da Robert de Montesquiou alla marchesa Luisa Casati, facendo di loro l’immagine stessa di quel momento storico e culturale. 

Inizialmente vicino alle poetiche dei Macchiaioli, con il tempo l’artista,  facendo tesoro delle innovative lezioni di Eduard Manet e Edgar Degas, oltre che delle poetiche dell’impressionismo, riuscì a sviluppare una cifra stilistica personalissima, originale e sofisticata, rinnovando l’antica  pratica del ritratto e divenendo uno più richiesti interpreti del ritratto di società

La rassegna pugliese, frutto di una  collaborazione grazie alla quale è stato possibile realizzare la grande mostra dedicata a De Nittis al Palazzo dei Diamanti di Ferrara, dà conto del percorso creativo di Boldini in ogni aspetto e ambito della sua produzione, dal paesaggio alla natura morta, dalle vedute di città al ritratto, sia quello intimo che ritrae amici e colleghi, che quello di società che gli ha regalato successo e fortuna. 

Sono circa 70 le opere provenienti dal Museo Boldini di Ferrara – la più estesa e rappresentativa raccolta pubblica intitolata al maestro. Tra i capolavori ci sono alcune opere davvero iconiche come  il Piccolo Subercaseaux, i ritratti “alla moda” della Contessa de Leusse, della Principessa Eulalia e Fuoco d’artificio o la magnetica effigie della Signora in rosa, emblematica di una nuova rappresentazione, nervosa ed elegante, della femminilità moderna. 

“Il patrimonio artistico è un bene comune e in quanto tale è importante che sia ammirato e apprezzato da tanti – ha spiegato  il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito – e in sedi prestigiose come il Palazzo dei Diamanti di Ferrara o Palazzo Della Marra a Barletta, vista anche l’affinità degli artisti di cui si tratta e i progetti di ricerca del Museo Giovanni Boldini e della nostra Pinacoteca”. “Per De Nittis abbiamo grandi ambizioni, su tutte quella di conferirgli la giusta dimensione internazionale - ha concluso il primo cittadino – quella stessa che caratterizzò l’opera e la vita dell’artista barlettano”.

Ultima modifica il Martedì, 03 Dicembre 2019 08:55


WEB-250x300.gif

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio