BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Lunedì, 30 Settembre 2019 13:00

Al m.a.x. museo di CHIASSO la mostra dedicata a Marcello Dudovich. Immagini

Scritto da 

Inaugurata il 29 settembre, l’esposizione indaga il particolare rapporto tra fotografia e cartellonistica, nell’opera di uno dei punti di riferimento della grafica pubblicitaria del Novecento

Marcello Dudovich, Modella in posa riflessa nello specchio, fotografata da Dudovich, c. 1950 Gelatina al bromuro d’argento 7 x 10 cm Collezione privata Salvatore Galati Marcello Dudovich, Modella in posa riflessa nello specchio, fotografata da Dudovich, c. 1950 Gelatina al bromuro d’argento 7 x 10 cm Collezione privata Salvatore Galati

CHIASSO - Si intitola  MARCELLO DUDOVICH (1878-1962). fotografia fra arte e passione la mostra dedicata al grande cartellonista triestino, a cura di Roberto Curci e Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo, realizzata nellambito della Biennale dell’immagine di Chiasso Bi11.

300 le opere in esposizione tra cui 200 fotografie inedite vintage, 32 manifesti originali, 25 schizzi e bozzetti, oltre a riviste dell’epoca, lettere, cartoline e documenti, provenienti da importanti collezioni pubbliche e private, come il Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso, la Civica Raccolta delle stampe “Achille Bertarelli” del Castello Sforzesco di Milano, il Gabinetto dei disegni di Castello Sforzesco di Milano, il Civico Archivio fotografico di Milano, il Civico Museo Revoltella – Galleria d’Arte moderna di Trieste, la Galleria Campari di Sesto San Giovanni.

Aspetto interessante di questa rassegna è la possibilità di individuare il legame tra la fotografia e la realizzazione del bozzetto a matita o a tempera, fino al manifesto finito. Gli spunti per alcuni lavori grafici, infatti, provengono spesso proprio da scatti realizzati dallo stesso Dudovich. In particolare anche nelle realizzazioni per La Rinascente degli anni venti e trenta si possono scorgere elementi tratti da fotografie. L’artista triestino sembra ricorrere a temi o stilemi prettamente fotografici. Compaiono dunque a più riprese nei suoi lavori i leitmotiv della donna appoggiata a un tronco d’albero, della donna con in mano una bottiglia o un bicchiere e, soprattutto, della donna con le braccia levate.

La mostra testimonia quanto l’utilizzo del mezzo fotografico gli sia stato prezioso anche per i suoi lavori nell’editoria, come quelli eseguiti per il “Simplicissimus” di Monaco, o per le principali riviste culturali italiane del primo Novecento, come “La Lettura” (supplemento, dal 1901, del “Corriere della Sera”), “Ars et Labor” (rivista edita da Ricordi a partire dal 1906 come prosieguo della precedente “Musica e Musicisti”), “Il Secolo XX” (editore Emilio Treves, dal 1902), “La Donna” (Mondadori, dal 1905). 

Un focus particolare è dedicato poi al legame con Leopoldo Metlicovitz e le Officine Grafiche Ricordi in rapporto alla comune passione per la fotografia. Le venti fotografie di Metlicovitz - conservate al Civico Archivio Fotografico di Milano ed esposte per la prima volta al pubblico – consentono un confronto con quelle di Dudovich, che si caratterizzano per uno stile più immediato e disinvolto.

L’esposizione, visitabile fino al 16 febbraio 2020, è accompagnata da un catalogo bilingue (italiano-inglese) Albert Skira (Milano-Ginevra) con testi dei curatori e di Giovanna Mori (conservatore della Civica Raccolta di Stampe “Achille Bertarelli”, Milano), Elena Mosconi (docente di storia del cinema muto, Università di Pavia), Daniela Pacchiana (ricercatrice di storia della fotografia).

Vademecum

MARCELLO DUDOVICH (1878-1962)
Fotografia fra arte e passione
a cura di Roberto Curci e Nicoletta Ossanna Cavadini
m.a.x. museo (Via Dante Alighieri 6), Chiasso (Svizzera)
29 settembre 2019 – 16 febbraio 2020
Orari
martedì – domenica, ore 10.00 – 12.00 e 14.00 – 18.00
Aperture speciali
venerdì 1. novembre 2019 (Ognissanti)
domenica 8 dicembre 2019 (Immacolata Concezione)
giovedì 26 dicembre 2019 (Santo Stefano)
mercoledì 1. gennaio 2020 (Capodanno)
lunedì 6 gennaio 2020 (Epifania)
Chiusure
martedì 24 dicembre 2019 (Vigilia di Natale)
mercoledì 25 dicembre 2019 (Natale)
martedì 31 dicembre 2019 (San Silvestro)
Ingresso
Intero: CHF/Euro 10.-
Ridotto: CHF/Euro 7.- (AVS/AI, over 65 anni, studenti, FAI SWISS, FAI, TCS, TCI, convenzionati) Scolaresche e gruppi di minimo 15 persone: CHF/Euro 5.-
Metà prezzo: Chiasso Card
Gratuito: bambini fino a 7 anni, Aiap, associazione amici del m.a.x. museo, giornalisti, ICOM, Passaporto Musei Svizzeri, Visarte
Ingresso cumulativo m.a.x museo + Spazio Officina (“Bi11 Biennale dell’immagine”): Intero CHF/Euro 12.-, Ridotto CHF/Euro 10.-
Ingresso cumulativo m.a.x museo + Spazio Officina (“Bi11 Biennale dell’immagine”) – Scolaresche e gruppi di minimo 15 persone: CHF/Euro 7.-
Presentando il biglietto del m.a.x. museo, ingresso a €3,00 a Villa Bernasconi a Cernobbio (CO) (Largo Alfredo Campanini, 2); reciprocamente, sconto di 3 CHF sull’ingresso del m.a.x. museo, con il biglietto di Villa Bernasconi.
Entrata gratuita: ogni prima domenica del mese
Parcheggio gratuito
presso il Centro Ovale di Chiasso (livello -1), 4 minuti a piedi dal m.a.x. museo, su presentazione del ticket del parcheggio al m.a.x. museo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.centroculturalechiasso.ch

 

Ultima modifica il Lunedì, 30 Settembre 2019 10:55


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Attualità*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio