BANNER_WEB_160X142.jpg

Giovedì, 02 Novembre 2017 13:14

"Il disegno infantile nell'arte e nel pensiero visivo", l’ultimo saggio di Antonio Torquato Lo Mele

Scritto da 

Il volume, edito da Gangemi, vuole dare un contributo a comprendere la genesi della creatività infantile e coglierne il nesso con testimonianze di eventi artistici ed espressioni culturali del XX secolo

ROMA -  Il 9 novembre verrà presentato alle 17, presso la sede della casa editrice Gangemi, in via Giulia 142, a Roma, il volume dal titolo Il disegno infantile nell'arte e nel pensiero visivo di Antonio Torquato Lo Mele, architetto, artista, docente di arti applicate e studioso della comunicazione visiva. 

Al centro di questo nuovo saggio di Lo Mele c’è “l’arte dello scarabocchio”, ovvero una rivalutazione completa del disegno infantile, nella sua struttura simbolica e formale.

Il volume, pensato e scritto come testo divulgativo, ma anche, all'occorrenza, come materiale universitario, fornisce chiavi di lettura capaci di entrare nel percorso sinergico tra produzione grafica dei bambini e strutture iconografiche degli artisti indagati: Mirò, Fontana, Picasso, Klee, Steiner, Beuys e tanti altri. 

Il libro mette in discussione la prevalente interpretazione evolutiva per cui ciò che viene dopo è sempre migliore di quel che viene prima, configurando il disegno infantile come mondo ricco, assolutamente autonomo e congruente al proprio interno. "In altre parole - spiega l'autore - il tratto dei bambini non si giustifica in quanto destinato a trasformarsi in disegno 'corretto' dal punto di vista del realismo visivo, adulto. Esso semplicemente 'appare' in una certa età dell'uomo che siamo abituati a chiamare infanzia. Poi scompare per far posto ad altre stagioni".

Obiettivo del saggio, corredato da disegni di bambini e opere d'arte del secolo scorso, è un'indagine sull'origine della creatività e del pensiero visivo, nonché una riabilitazione di quest'ultimo. "In un'epoca in cui la pratica della parola ha preso il sopravvento e ogni altro linguaggio è stato relegato in un mondo specializzato - come quello degli artisti -, tracce dell'originario pensiero visivo rimangono intatte quasi solo nell'universo dei bambini - scrive Lo Mele -, che riescono a mettere i loro segni al servizio del significato. Volendo ricorrere ad una metafora, oggi viviamo un po' tutti, purtroppo, in una forma di analfabetismo visivo dalle evidenti ricadute sociali e culturali. Siamo orfani della semplice matita...". 

Questo saggio è rivolto non solo agli artisti ai teorici della forma e della figurazione ma anche a coloro che non hanno particolare talento artistico né pensano mai di seguire un'attività del genere, a 'l'homme du commun' direbbe Dubuffet, a coloro che hanno perso l'abitudine di tenere in mano una matita, ritenuta inutile per una presunta incapacità ad usarla. Infine agli educatori, a quanti pensano che il disegno non sia come nello sport agonistico il luogo dove si formano e si esercitano solo i talenti artistici, ma dove si forma il pensiero visivo.

Vademecum

"Il disegno infantile nell'arte e nel pensiero visivo" di Antonio Torquato Lo Mele
Presentazione presso casa editrice Gangemi, via Giulia 142 - Roma
ore 17.00

 

Ultima modifica il Giovedì, 02 Novembre 2017 13:23

300x240.jpg

Flash News

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio