160x142-banksy-palermo.gif

Domenica, 25 Ottobre 2020 14:32

Coronavirus. Nuovo Dpcm, chiusura totale di cinema e teatri. Aperti musei e chiese. L'appello degli assessori alla cultura

Scritto da 

Il testo definitivo sancisce, a partire dal 26 ottobre al 24 novembre 2020, il “lockdown” di cinema e teatri. A poco sono serviti gli appelli del mondo della cultura. Rammarico di Franceschini che però afferma “la priorità assoluta è tutelare la vita e la salute di tutti”

ROMA - Come era prevedibile dalla bozza di ieri, con la firma del nuovo Dpcm da parte del Governo, vengono totalmente chiusi cinema e teatri.

Nel testo definitivo si legge, infatti, “sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto”.

Rimangono invece aperti i Musei e altri istituti e luoghi della cultura, così come le chiese. 

Per quanto concerne i musei e gli altri luoghi della cultura, si legge sul Dpcm,  possono restare aperti “a condizioneche detti istituti e luoghi, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, nonché dei flussi di visitatori (più o meno di 100mila l'anno), garantiscano modalità di fruizione contingentata o comunque tali da evitare assembramenti di persone e da consentire che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Il servizio è organizzato tenendo conto dei protocolli o linee guida adottati dalle Regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome. Le amministrazioni e i soggetti gestori dei musei e degli altri istituti e dei luoghi della cultura  possono individuare specifiche misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché di tutela dei lavoratori, tenuto conto delle caratteristiche dei luoghi e delle attività svolte; resta sospesa l'efficacia delle disposizioni regolamentari di cui all'art. 4, comma 2, secondo periodo, del decreto del Ministro per i beni culturali e ambientali 11 dicembre 1997, n. 507, che prevede il libero accesso a tutti gli istituti e ai luoghi della cultura statali la prima domenica del mese".

Contrarietà alle decisioni del Governo è stata espressa in una lettera, indirizzata al presidente del Consiglio, dagli assessori alla Cultura dei Comuni di Roma, Milano, Napoli, Genova, Torino, Bologna, Venezia, Ancona, Bari, Cagliari e Firenze, nella quale si legge: "La misura assunta oggi nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, che dispone la sospensione degli spettacoli in teatri, cinema e sale da concerto, colpisce il settore produttivo italiano che più di ogni altro ha saputo adottare misure efficaci e responsabili nel contrasto alla diffusione epidemica da Covid-19. L'evidenza statistica dimostra che oggi proprio i teatri e i cinema sono, in virtù del senso di responsabilità dimostrato nell'applicazione delle misure medico-sanitarie da gestori, lavoratori e pubblico, i luoghi più sicuri del Paese, insieme a musei, spazi espositivi ed altri luoghi della cultura, mantenuti aperti dal Decreto. In questa luce, la sospensione degli spettacoli appare ingiustificata visto che le misure disposte considerano invece compatibili altre attività che per la propria natura non possono garantire i livelli di protezione adottati nei luoghi di spettacolo, per il pubblico come per gli operatori"

Lo stesso ministro dei Beni culturali Dario Franceschini ha espresso il suo rammarico su twitter: "Un dolore la chiusura di teatri e cinema. Ma oggi la priorità assoluta è tutelare la vita e la salute di tutti, con ogni misura possibile. Lavoreremo perché la chiusura sia più breve possibile e come e più dei mesi passati sosterremo le imprese e i lavoratori della cultura”. 

Anche molti esponenti del mondo della cultura avevano già sottoscritto un testo per scongiurare, prima dell'approvazione del Dpcm, l'ipotesi della chiusura di cinema e teatri. 

Di seguito l’appello inviato a Conte e Franceschini. 

“Gentili Presidente Conte, Ministro Franceschini,

in merito all’intenzione di richiudere Teatri e Cinema contemplati esplicitamente nella bozza del prossimo Dpcm, ed eventuali altri fondamentali luoghi della cultura al momento non esplicitati, nel tentativo di scongiurarne l’approvazione che avrebbe conseguenze nefaste sull’intero comparto culturale e sullo spirito dei cittadini, richiamiamo la Vostra attenzione sui seguenti punti:

1) i lavoratori dello spettacolo dal vivo hanno messo il loro straordinario e personale impegno per riaprire Teatri e Cinema nel pieno rispetto dei protocolli per la tutela della salute. Essi sono luoghi sicuri dove il pubblico è seduto con mascherina e non parla durante la rappresentazione. L’uscita e l’entrata sono regolati e rispettano il distanziamento. Questi luoghi rappresentano oggi un esempio virtuoso di gestione degli spazi pubblici in epoca di pandemia.

2) Abbiamo riconquistato faticosamente il nostro pubblico, spesso titubante e confuso da una comunicazione altalenante e ansiogena, a riacquistare i biglietti, rassicurandolo sulla certezza degli spettacoli e sulla scrupolosa adozione di tutte le misure di sicurezza.

3) Per quanto concerne i teatri abbiamo riavviato l’attività di produzione degli spettacoli sospesi, investendo pertanto nuovamente per il loro riallestimento. Peraltro tutti i voucher emessi acquisiti per gli spettacoli se fossero annullati dovrebbero essere riemessi nuovamente per non gravare sulle casse dei teatri;

4) Abbiamo riprogrammato tournée, concerti, uscite cinematografiche assumendoci enormi rischi, investendo e scommettendo quindi anche sul futuro, malgrado lo stato di incertezza dominante;

5) Abbiamo fatto rientrare tutti i dipendenti dalla Cig, garantendo loro non solo la giusta retribuzione ma soprattutto la dignità del lavoro;

6) l’ultimo punto sul quale richiediamo la vostra preziosa attenzione è il più importante in assoluto: chi opera nel settore della cultura è consapevole dell’importanza che essa ricopre soprattutto in momenti difficili come quello che ci troviamo ad affrontare. Sarebbe un grave danno per i cittadini privarli della possibilità di sognare e di farsi trasportare lontano oltre i confini della propria quotidianità.

È soprattutto per l’importanza di non privare l’Italia del proprio immaginario collettivo che vi chiediamo a nome della Associazione Cultura Italiae che rappresento, e dunque di tutti i comparti e i generi dello Spettacolo dal vivo, dei Produttori Cinematografici, degli Artisti, degli Esercenti, delle Gallerie d’Arte, dei Musei, delle Sale da Concerto, di mantenere indistintamente tutti i luoghi della cultura aperti!

Siamo importanti per la società civile perchè vi supportiamo nel vostro difficile compito istituzionale a mantenere elevato lo spirito dei cittadini, nella piena consapevolezza delle sofferenze che stanno incontrando a livello personale, familiare e professionale. È sopratutto in questa seconda ondata che ne avremmo più bisogno.

Il teatro e il cinema non possono fermarsi perchè sono la riserva invisibile di senso, per la vita pubblica e individuale dei nostri concittadini. Tuteliamo la parte visibile di questa riserva di senso.

Confidiamo in voi”

Angelo Argento, Presidente di Cultura Italiae, Andr e Ruth Shammah, Ernesto Albanese, Fabiana Cutrano, Alessandro Longobardi, Ilaria Borlotti Buitoni, Luca Poma Monica Savaresi, Giuseppe Scognamiglio, Patrizia Asproni, Luca Scarlini, Jane Thompson, Umberto Mucci, Simona Manzoni, Alberto Improda, Andrea Fabiano, Salvatore Barrano, Stefano Monti, Mauro Berruto, Serafino D'Angelantonio, Francesco Granbassi, Enrico Loverso, Valentina Graverini, Paolo Verri, Andrea Catizione Folena, Florinda Saieva, Serena Marzucchi, Vinicio Marchioni, Fabrizio Fasani, Rossella Menegazzo, Paola Balducci, Marco Bentivogli, Antonio Lampis, Maria Cristina Terzaghi, Giorgia Abeltino, Maria Cristina Vannini, Stefano Miceli, Paola Balducci, Maria Luisa Frisa, Paola Dubini, Alberto Luna, Ludovica Rossi Purini, Michele Pescini, Gregorio De Felice, Daniele Malfitana, Giorgio Ventre.

  

Ultima modifica il Lunedì, 26 Ottobre 2020 09:30


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio