160x142-banksy-palermo.gif

Mercoledì, 20 Settembre 2017 14:35

Nero Gallery presenta la prima mostra personale di Tony Cheung

Scritto da 

La censura cinese, le infinite contraddizioni tra l’antica cultura ed educazione e la nuova industrializzazione e globalizzazione, il taoismo con il suo concetto di “vuoto”, sono questi i temi sui quali è incentrata l’esposizione a cura di Giulia Capogna e Daphnée Thibaud

Belconing time - giclée printing on paper - 110x56 cm Belconing time - giclée printing on paper - 110x56 cm

ROMA - La Nero Gallery ospita dal 23 settembre al 4 novembre la prima mostra personale dell'artista cinese Tony Cheung, classe 1987, illustratore e disegnatore di Guangzhou, meglio nota come Canton.

L’esposizione, a cura di Giulia Capogna e Daphnée Thibaud, è il risultato di un progetto dell’artista, nato nel 2010, incentrato sul tema della censura cinese. 

Il meccanismo di filtraggio e sbarramento della rete, da parte del governo di Pechino, comincia in particolare a partire dal 2008, un anno segnato da diversi eventi, alcuni dei quali catastrofici, come il terremoto che coinvolge gran parte del paese con moltissimi morti, ma anche l’occidentalizzazione, i giochi olimpici…

La censura di Facebook e Youtube diviene per il governo un deterrente per arginare possibili idee rivoluzionarie come quella dei Gelsomini in Tunisia.

Il lavoro di Cheung, che vive e lavora tuttora in Cina, si concentra inoltre sulle infinite contraddizioni che convivono in questa nazione, contraddizioni che sono alla base delle illustrazioni dell’artista, le quali reinterpretano alcuni personaggi e aspetti della società cinese. I colori sono forti così come le immagini che racchiudono in sé erotismo e sensualità insieme ad una forte vena satirica. Mao, Stalin, Marx sono trasformati, resi nuovi e bizzarri e allo stesso tempo iconici, utilizzando uno stile che mescola tra loro la cultura pop americana degli anni ’50-’60, quella dei manga e quella dittatoriale fino a toccare l’arte classica giapponese. 

Nelle sue opere Cheung sviluppa anche un motivo etico desunto dalla filosofia taoista cinese del WuWei (azione senza azione), in cui il concetto di “vuoto” diventa la via per raggiungere l’ordine cosmico e la pace interiore. Secondo il taoismo, infatti, l'azione eccellente è quella che si realizza in assenza di moventi e nel vuoto di finalità, lasciando che ogni azione si produca seguendo la propria spontanea natura. In base a questo principio anche l’opera di Cheung diviene una espressione della propria visione che deve lasciar libero lo spettatore di poter riflettere autonomamente e indipendentemente.

Vademecum

Nero Gallery
EASTERN PALACE FOR PLEASURE
A cura di Daphnée Thibaud e Giulia Capogna
Mostra personale di Tony Cheung
dal 23 settembre al 4 novembre 2017
23 settembre dalle 19.00: Vernissage di “Eastern Palace For Pleasure” a Nero Gallery
Via Castruccio Castracane, 9
00176 Roma - Pigneto
nerogallery.com
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
+390627801418
Orari di apertura:
Dal martedi alla domenica dalle 16.00 alle 20.00
Opening times:
From Tuesday to Sunday – 4 p.m. to 8 p.m.

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Settembre 2017 15:41


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio