Stampa questa pagina
Giovedì, 12 Dicembre 2019 12:31

Buildingbox, Jan Fabre protagonista del terzo progetto di “Dalla sabbia, opere in vetro”

Scritto da 

 “Shitting doves of peace and flying rats” del 2008 è la terza opera del ciclo  espositivo che prevede 12 appuntamenti con cadenza mensile,  in collaborazione con Jean Blanchaert

Jan Fabre, Shitting Doves of Peace and Flying Rats, 2008, inchiostro Bic su vetro di Murano, marmo e ferro,  9 elementi, cad. 20 x 19 x 20 cm, © ph. Francesco Allegretto. Courtesy collezione private Berengo, Venezia Jan Fabre, Shitting Doves of Peace and Flying Rats, 2008, inchiostro Bic su vetro di Murano, marmo e ferro, 9 elementi, cad. 20 x 19 x 20 cm, © ph. Francesco Allegretto. Courtesy collezione private Berengo, Venezia

MILANO -  La galleria Buildingbox di Milano presenta il terzo appuntamento del ciclo Dalla sabbia, opere in vetro”. Una mostra temporale, iniziata l'11 ottobre 2019, che terminerà l'11 ottobre 2020. Il ciclo è interamente dedicato al vetro contemporaneo, le diverse opere saranno presentate una dopo l'altra. Il titolo è stato scelto per evocare l’alchimia dell’affascinante processo di creazione di questo materiale, dalla sabbia, con l’aria, per mezzo del fuoco. 

In mostra dunque opere firmate da artisti contemporanei che hanno scelto di confrontarsi con le possibilità che offre questo materiale. Il progetto nasce dalla volontà di BUILDING di approfondire la ricerca degli artisti includendo oltre alle produzioni più note, aspetti e sperimentazioni insolite. Filo conduttore del progetto sono le stesse opere, inserite in una storia secolare e in un fare antico, testimoni di una precisa alchimia di elementi messa a punto 4000 anni fa dalla civiltà fenicia, e che ancora oggi offrono infinite possibilità formali.

I primi due progetti sono stati quelli di Koen Vanmechelen, con Under Pressure e Open Secret, e Remo Salvadori con Gravità 0°. 

Protagonista del terzo appuntamento è Jan Fabre con Shitting doves of peace and flying rats”, del 2008, realizzato con inchiostro di Bic blu applicato manualmente su vetro.

"Animale-umano, vegetale-umano, materiale-umano e spirituale-umano partecipano simbolicamente alla creazione di immagini e forme arcane dell'ossessione "essere o non essere" di Fabre. “Sin dagli Assiri, per i quali Semiramide volò in cielo nella forma di una colomba, le colombe, vive o morte, sono state animali di pace, spiritualità ed elevazione alla purezza del bene e della giustizia [...]. Al contrario, Flying Rats, che non appartengono alla famiglia delle colombe, sono grigi, piccioni tristi e litigiosi: il lato oscuro delle colombe [...]. Colombe della pace e piccioni della guerra. L'Essere della vita e l'Essere della morte”. 

Vademecum

BUILDING
Via Monte di Pietà 23
20121 Milano
T. +39 02 890 94995
Jan Fabre
Shitting doves of peace and flying rats, 2008
inchiostro Bic su vetro di Murano, marmo e ferro
9 elementi, cad. 
12 dicembre 2019 – 13 gennaio 2020
E. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

 

Ultima modifica il Giovedì, 12 Dicembre 2019 14:23
Redazione

Ultimi da Redazione

Articoli correlati (da tag)