BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Venerdì, 06 Marzo 2020 14:24

L'8 marzo di Letizia Battaglia: i suoi nudi di donna contro lo stereotipo maschile

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

La prima volta della fotografa siciliana a Firenze con una selezione di corpi femminili. "Voglio donare alle donne uno sguardo che non sia lo sguardo di un uomo ma lo sguardo di una donna che vede le altre donne per quello che sono"

Letizia Battaglia Letizia Battaglia

“La mia non è la donna sexy e finta che fotografano gli uomini. La libertà di una donna passa attraverso il suo corpo, che abbia 20 anni o ne abbia 70: e la sua bellezza non è stabilita da nessuno. Io sono solo il tramite per raccontarla”. Così la storica portabandiera della fotografia italiana presenta i suoi nudi di donna “alzando il velo per permettere allo sguardo di vedere proprio là dove altrimenti non si coglierebbe nulla”. 

Alla Crumb Gallery di Firenze, creatura di quattro giovani donne con il pallino di organizzare esposizioni tutte al femminile, arriva dal 7 marzo al 7 aprile “Nudo di donna”, la prima mostra di Letizia Battaglia nel capoluogo toscano. Con 23 immagini, formati diversi e molti inediti, la fotografa che raccontò come nessun altro i morti di mafia nella Palermo dilaniata dalla violenza delle cosche, si presenta in un’inconsueta declinazione. «A Firenze, esporrò foto di nudi» spiega. «Perché il corpo della donna? Perché le donne sono belle. Le donne mi piacciono, mi piacciono tutte, mi piace la loro grazia, la loro forza, la loro femminilità e voglio raccontarla questa grazia, questa forza, questa femminilità in un modo diverso da quello cui siamo abituati. Voglio donare alle donne uno sguardo che non sia lo sguardo di un uomo ma lo sguardo di una donna che vede le altre donne per quello che sono. Che non le manipola. Che non le altera. Che non le fruga. Che non le infl­uenza con le sue certezze su quello che dovrebbero essere».

 

"Utah" Letizia Battaglia

Leica al collo e sigaretta tra le dita, Letizia Battaglia è donna simbolo grazie alla sua stessa vita fuori dagli schemi. Nata negli anni ’30, ha lasciato un marito quando ancora i mariti non si lasciavano, è stata fotografa di cronaca quando ancora le donne erano relegate al gossip e alla superficialità, ha cominciato a lavorare nel 1969 collaborando con il quotidiano comunista “L’ORA” di Palermo di cui, dal 1974 al 1991, ha diretto il team fotografico e fondato l’agenzia “Informazione Fotografica”. Poi si è inventata, nel 91, un bimestrale realizzato da sole donne, “Mezzocielo”. Nella lista delle 1000 donne segnalate per il Nobel per la pace, nominata dal Peace Women Across the Globe, regista, ambientalista, assessore dei Verdi con la giunta di Leoluca Orlando negli anni della Primavera Siciliana, deputata all'Assemblea Regionale Siciliana, editore delle Edizioni della Battaglia, cofondatrice del centro di documentazione “Giuseppe Impastato”.  Il New York Times la nomina (unica italiana) tra le 11 donne più rappresentative nel 2017, l'anno in cui realizza il suo sogno inaugurando il Centro Internazionale di Fotografia, presso i Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, dove dirige e cura la selezione di mostre e incontri dedicati alla fotografia storica e contemporanea.

 

"Claudine"  Letizia Battaglia
Il suo sguardo sul mondo delle donne, quindi, non è banale o scontato. Come non lo sono le sue fotografie. “Nudo” racconta la donna degli anni ’70: con i peli sotto le ascelle a testimoniare che si era quel che si voleva essere. “Caludine”, del 2019, meravigliosamente in carne «bella, tonda, libera e coraggiosa», come dice la stessa Battaglia. La bellissima Mara, presa di spalle e sdraiata sulla sabbia, capelli che si mescano ai fiori. O la silenziosa, nuda e disarmata donna distesa sulla neve nello scatto titolato “Utah”, abbandono completo nella natura. “Io le donne le capisco, non ho problemi con loro, ho solidarietà e complicità. Con l’uomo meno, non lo rispetto".

“Volevo dare una risposta ad altri anni, ad altri decenni, quando non eravamo padrone del nostro corpo – anche se forse non lo siamo ancora – quando eravamo costrette dentro schemi e canoni. Quando tutto ciò che era falso era anche “per bene” e la lunghezza di una gonna o la scollatura di un vestito erano determinanti per creare una reputazione pessima o buona. Con i miei scatti voglio raccontare una donna vera, senza filtri, e anche senza orpelli e gioielli che nelle mie immagini non ci sono mai, così come non c’è trucco”.

Durante il periodo della mostra, il 23/24/25 marzo al Cinema Odeon Firenze e al Cinema Stensen sarà proiettato Letizia Battaglia - Schooting the Mafia, un film documentario di Kim Longinotto che racconta, con un taglio intimo e privato, la vita e la carriera della fotografa palermitana.

 

“Nudo di Donna”
Via San Gallo, 191 rosso | 50129 Firenze
orari: giovedì, venerdì e sabato ore 15-19
gli altri giorni su appuntamento - 347 3681894
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 3756 volte Ultima modifica il Venerdì, 06 Marzo 2020 16:31


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio