160x142-banksySarzana.gif

Giovedì, 09 Marzo 2017 10:46

Archeologia. A Sesto fiorentino riapre la tomba etrusca della Montagnola

Scritto da 

La tomba monumentale della Montagnola risale al VII secolo a.C. e, insieme a quella della Mula, rappresenta il migliore esempio di tomba a tholos del periodo etrusco orientalizzante dell'Etruria settentrionale

FIRENZE - A partire da maggio riapre a Sesto fiorentino la tomba etrusca della Montagnola, grazie alla sottoscrizione di un accordo di valorizzazione tra la  Soprintendenza e il Comune. Sempre a partire da maggio verranno quindi organizzate visite guidate al “Percorso archeologico dello Zambra" che comprende anche la tomba della Mula, l'acquedotto romano e la necropoli di Palastreto.

La struttura della tomba della Montagnola ricorda le grandiose tombe micenee, con la falsa cupola a lastre aggettanti e l'imponente dromos (corridoio d'accesso lungo quattordici metri) che porta alla sala funeraria circolare, del diametro di cinque metri.Sempre sulla riva sinistra dello Zambra, si trova la necropoli di Palastreto, scavata a partire dalla metà degli anni Sessanta. Si tratta della più antica necropoli del territorio fiorentino, con tombe a pozzetto al cui interno erano contenuti ossari e cinerari villanoviani (VIII secolo a.C.). I resti dell'acquedotto romano, in pietrame misto a calcestruzzo, risalgono al II secolo e sono situati sempre sulla riva destra dello Zambra, all'interno dell'area denominata "Parco degli Etruschi". L'acquedotto era posto a servizio della città di Florentia, verso la quale convogliava le acque provenienti dalla località La Chiusa in Val Marina.

Afferma il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi: “La Montagnola rappresenta un tesoro che vogliamo valorizzare in maniera organica con gli altri monumenti di interesse storico, archeologico e paesaggistico presenti nella stessa area. Con la firma di oggi compiamo un primo passo essenziale verso la creazione di un sistema turistico-culturale che metta la nostra città in connessione con i percorsi esistenti nell'area metropolitana, attirando visitatori e facendo conoscere la bellezza del nostro territorio attraverso il racconto del suo passato".

Andrea Pessina, soprintendente per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Firenze e per le provincie di Prato e Pistoia dichiara: “Sotto l'occhio vigile della Soprintendenza, restituiamo ai sestesi un monumento che è parte della loro identità e questo è un fatto di grande rilievo. Il ruolo della Soprintendenza sarà quello di vigilare e fornire supporto storico e scientifico, soprattutto per quello che riguarderà eventuali operazioni di restauro, come nel caso dell'acquedotto romano".

Ultima modifica il Giovedì, 09 Marzo 2017 10:54


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio