160x142-banksySarzana.gif

Giovedì, 21 Gennaio 2021 10:04

Riapre al Palazzo del Podestà di Montevarchi la mostra dedicata a Ottone Rosai

Scritto da 

Giovedì 21 gennaio l’esposizione, inaugurata lo scorso ottobre e poi congelata a causa dell’emergenza sanitaria, torna visibile al pubblico e viene prorogata fino al 6 giugno 2021

Ottone Rosai, Paesaggio - 1939 Olio su tela Ottone Rosai, Paesaggio - 1939 Olio su tela

FIRENZE - Riapre giovedì 21 gennaio, dopo oltre due mesi di chiusura in ottemperanza del Dpcm dello scorso novembre, la mostra dedicata a Ottone Rosai al Palazzo del Podestà di Montevarchi. L’esposizione sarà visitabile in tutta sicurezza in questi giorni e orari: giovedì e venerdì dalle ore 15 alle ore 19.

“Siamo felici di poter restituire al pubblico una mostra importante che ha richiesto diversi mesi di preparazione per cercare e studiare opere. Sforzi che in molti casi hanno condotto a ritrovamenti di inediti. Grazie alla generosità di tutti i prestatori delle opere siamo, inoltre, in grado di prorogarla sino al 6 giugno” - afferma Silvia Chiassai Martini Sindaco di Montevarchi.
"Le discoteche aperte d'estate e i musei chiusi d'inverno spero che abbiano insegnato qualcosa a tutti. - Commenta Giovanni Faccenda, curatore della mostra. Rosai, che ha superato indenne due bufere, rappresentate da altrettante guerre mondiali, aspetta i visitatori con la sua pittura e i suoi disegni che sono, e restano, specchio di torride inquietudini esistenziali destinate a ripetersi nel tempo e a qualunque latitudine, sebbene - come sosteneva a ragione Montale - la vita, purtroppo, sia, al solito, maestra di niente che ci riguardi”.

La mostra “Ottone Rosa", organizzata dal Comune di Montevarchi, riunisce, nella storica sede di Palazzo del Podestà, cinquanta opere di Rosai, per metà disegni e altrettanti oli. Tutti riferiti ad un momento preciso dell’artista: gli anni tra il 1919 e il 1932, il ventennio tra le due Grandi Guerre.
Ottone Rosai (Firenze 1895 – Ivrea 1957), uomo dalle travolgenti passioni, fu artista che scelse di leggere le novità del suo tempo alla luce della grande arte del Tre-Quattrocento toscano.

Le opere provengono tutte da collezioni private, e il pubblico potrà ammirare tele notissime ma anche – e questa è una delle peculiarità di questa mostra - opere del tutto inedite, emerse dalle ricerche che il prof. Faccenda ha condotto nelle collezioni private e nelle case di chi, in Toscana ma non solo, ebbe rapporti con Rosai o con i suoi galleristi ed eredi.

Info: www.comune.montevarchi.ar.it tel. 055-91081

Facebook: Comune di Montevarchi
Twitter: @montevarchi
Instagram: incomunemontevarchi
Youtube: Video Montevarchi

Ultima modifica il Giovedì, 21 Gennaio 2021 10:10


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio