160x142-banksy-palermo.gif

Venerdì, 04 Dicembre 2020 12:19

Gli affreschi di Giotto in videoproiezione sulla facciata della Basilica Superiore di San Francesco d'Assisi

Scritto da 

Oltre ai video mapping e ai giochi di luce nelle strade della città, anche un Presepe a grandezza naturale con una statua raffigurante un’infermiera, omaggio al prezioso lavoro degli operatori sanitari durante l’emergenza da Covid-19 che stiamo affrontando

PERUGIA - Video proiezioni multimediali sulle facciate della Basilica Superiore di San Francesco e su quella della Cattedrale di San Rufino, video mapping e giochi di luci nelle strade della città e poi un Presepe a grandezza naturale e un 'albero di Natale, installato nella piazza inferiore della Basilica di San Francesco, offerto dall’Assessorato all’Agricoltura e Foreste della Provincia autonoma di Trento. E’ questo il programma natalizio 2020, “Il Natale di Francesco”, proposto dalla città di Assisi. 

Un Natale speciale, con un’attenzione anche a chi  non potrà andare ad Assisi. Infatti grazie alla web app ilnataledifrancesco.it sarà possibile ammirare, fino al 6 gennaio 2021, le video proiezioni della Natività di Gesù e dell’Annunciazione di Maria, affreschi di Giotto e bottega presenti nella Basilica Inferiore di San Francesco, e l’esclusivo video mapping dell’interno del Complesso Monumentale, che permetterà allo spettatore di immergersi negli oltre 10mila mq di affreschi.

Il progetto è realizzato in collaborazione con Mario Cucinella Architects. “L’iniziativa - ha affermato Cucinella - ci ha coinvolto particolarmente perché si è voluto creare un’installazione a cielo aperto nello spazio pubblico, una riflessione e un’emozione da condividere nella città, che è il nostro bene comune, dove si manifesta in pieno il senso della collettività e della fratellanza”.

“Questo Natale 2020 rimarrà purtroppo nella storia -  ha dichiarato Stefania Proietti, sindaco di Assisi -  l’emergenza sconfinata del Covid ci ha posto tutti di fronte alle nostre fragilità, alla preoccupazione, al dolore. Ma ci ha fatto anche riscoprire l’umanità e la fraternità, in particolare in quelle donne e uomini del settore sanitario che ci hanno curato e continuano a farlo a rischio della propria vita. In questo Natale 2020 non potevamo lasciare Assisi nel buio della disperazione”. “Questo presepe - ha concluso - con la sua luce e la sua dolcezza, vuole aiutarci  ad uscire da questo momento così buio e accendere la luce sulla fraternità e sulla umana solidarietà, rappresentata dai sanitari in questa pandemia”.

Le iniziative del Sacro Convento di Assisi, con il patrocinio di Regione Umbria e Città di Assisi, sono sostenute da Enel, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello.

Ultima modifica il Venerdì, 04 Dicembre 2020 12:22


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio