IMG_4882.JPG

Venerdì, 26 Ottobre 2018 12:33

In Canada l’arte come terapia

Scritto da 

In base ad un accordo tra il Montreal Museum of Fine Arts e l’associazione di medici francofoni, si potranno prescrivere ai pazienti con diversi disturbi, che vanno dal diabete alla depressione, visite gratuite al museo

MONTREAL - Che l’arte faccia bene, soprattutto all’umore, è indubbio, ma come ha spiegato recentemente la dottoressa Hélène Boyer, vicepresidente dei Medici francofoni del Canada “sono sempre di più le prove scientifiche che dimostrano che la terapia dell'arte fa bene alla salute”. Aumenta infatti il livello di cortisolo e di serotonina. Sembra che una visita al museo permetta di secernere ormoni responsabili del nostro benessere e questi benefici si riscontrerebbero non solo a livello psicologico, ma anche fisico. 

Da qui l’accordo stabilito tra il Montreal Museum of Fine Arts e l’associazione di medici francofoni, secondo il quale, i medici aderenti al progetto, dal 1 novembre, possono prescrivere 50 visite gratuite al museo per coloro che soffrono di psicopatologie, diabete, disturbi alimentari, pressione alta e diabete. 

Insomma la cultura potrebbe far miracoli. Ovviamente i pazienti verrebbero monitorati nel corso dell’anno e seguirebbe poi un rapporto con i risultati ottenuti. 

L’iniziativa non è comunque  cosa totalmente nuova. Da circa un decennio, infatti, in USA,  il National Endowment for the Arts ha lavorato con diversi operatori sanitari proprio per promuovere la cultura come forma di terapia, riconosciuta di fatto anche da molti ospedali. 

 

Ultima modifica il Venerdì, 26 Ottobre 2018 12:51



IMG_4884.JPG

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio