BANNER_WEB_160X142.jpg

Mercoledì, 03 Gennaio 2018 12:23

Stati Uniti. Insegnante licenziato per aver mostrato nudi di Modigliani, Boucher, Ingres

Scritto da 

Il fatto, risalente al 4 dicembre 2017 e riportato sul sito “Slate” e altri giornali locali, è accaduto in una scuola elementare dello Utah. Un genitore ha addirittura denunciato l’insegnante alla polizia per pornografia

Bagnante di Valpinçon di Jean-Auguste-Dominique Ingres, 1808 - particolare Bagnante di Valpinçon di Jean-Auguste-Dominique Ingres, 1808 - particolare

Negli Stati Uniti opere come l’Odalisca di François Boucher, 1749, la Bagnante di Valpinçon di Jean-Auguste-Dominique Ingres, 1808, e il ritratto di Iris Tree di Amedeo Modigliani, 1916, sarebbero immagini pornografiche. Questo almeno stando a quanto accaduto in una scuola elementare dello Utah dove Mateo Rueda, insegnante di arte, è stato licenziato per aver mostrato questi “nudi” ai suoi alunni. 

L’episodio risale ai primi di dicembre ma è stato solo di recente diffuso dal quotidiano locale "Fox 13 News" e dal sito “Slate”. 

Ma ecco come sono andati i fatti. Rueda, durante una lezione, avrebbe portato gli alunni, di età compresa tra i 10 e gli 11 anni, in biblioteca per prendere spunto per alcuni esercizi sul colore. Tra le opere che i ragazzi hanno potuto osservare c’erano i nudi già citati di Modigliani, Ingres e Boucher. Rueda, constatando il disagio di alcuni alunni, ha rimosso le cartoline “imbarazzanti”, ma ha anche spiegato alla classe  e, successivamente scritto ad alcuni genitori, che “il corpo umano viene spesso raffigurato nell’arte e che le immagini della raccolta della scuola sono icone della storia dell’arte e un patrimonio dell’umanità”. La spiegazione dell’insengnante  non è valsa a molto, tanto è vero che è stato licenziato, dopo essere stato sospeso per due giorni. 

Rueda ha spiegato che l’Istituto scolastico ha proposto due alternative, ovvero rassegnare le dimissioni o essere licenziato. Non avendo accolto nessuna delle due opzioni, l’insegnante è stato quindi licenziato, tuttavia, nonostante la denuncia di un genitore, la polizia ha fatto sapere a Rueda che non ci sarà alcuna accusa a suo carico, in quanto i dipinti “non sono pornografici”.

La storia probabilmente avrà un seguito,  Rueda sembra infatti convinto a voler riottenere il suo posto. 

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Gennaio 2018 12:52

Banner  250x300.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio