160x142-banksySarzana.gif

Lunedì, 01 Marzo 2021 17:27

Potrebbe essere opera di Banksy il murale apparso all’esterno del carcere di Reading

Scritto da 

Sembrerebbe una nuova opera del celebre street artist, che però al momento non l’ha ancora rivendicata, e forse l’immagine del prigioniero che fugge, grazie a una corda fatta di lenzuola legate a una macchina da scrivere, potrebbe essere Oscar Wilde

LONDRA - Nuova opera di Banksy quella apparsa sulle mura della prigione di Reading? A detta di alcuni esperti sembrerebbe proprio di si, ma l’artista ancora non ne ha rivendicato la paternità. La notizia è stata diffusa dalla Bbc.

L’opera raffigura un prigioniero che fugge dal carcere grazie a una corda fatta di lenzuola legate a una macchina da scrivere. L’immagine del fuggitivo sembrerebbe somigliante a Oscar Wilde, che fu ospitato nella prigione tra 1895 e il 1897. Il suo “soggiorno” nel carcere venne immortalato da Wilde nella poesia  “La ballata del carcere di Reading”, scritta subito dopo la scarcerazione e pubblicata nel 1898.  Nella poesia Wilde, condannato per omosessualità a causa della sua relazione con Lord Alfred Douglas, riflette sulla brutalità del sistema penale vittoriano. 

Il carcere di Reading è abbandonato dal 2013 ed è stato messo in vendita dal governo britannico nel 2019. Un accordo di vendita è tuttavia fallito proprio lo scorso anno. Attualmente sembra in essere un progetto per  trasformarlo in un complesso artistico, sostenuto dai divi hollywoodiani Sir Kenneth Branagh, Natalie Dormer e Dame Judi Dench. 

Secondo Vince John, curatore della galleria 1loveart di Bristol, il murale è un tipico "esempio del lavoro di Banksy, essendo al tempo stesso umoristico e politicamente toccante”. Potrebbe inoltre essere un "incoraggiamento a trasformare l'edificio in centro culturale e artistico".

Ultima modifica il Lunedì, 01 Marzo 2021 17:38


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio