160x142-haring-proroga.gif

Venerdì, 06 Dicembre 2019 14:38

La Collezione Peggy Guggenheim di Venezia dà “vivavoce” a chi ha conosciuto la grande collezionista

Scritto da 

Quattro interventi inediti  hanno dato vita al progetto “Vivavoce”: un ciclo di video interviste realizzate insieme a un team di studenti del corso in “Nuove Tecnologie Dell'Arte - Arte e Linguaggi Della Comunicazione” dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, disponibili su YouTube dall’8 dicembre

Photo: Peggy Guggenheim a Palazzo Venier dei Leoni, Venezia, primi anni '60. Fondazione Solomon R. Guggenheim. Photo Archivio Cameraphoto Epoche. Donazione, Cassa di Risparmio di Venezia, 2005. Photo: Peggy Guggenheim a Palazzo Venier dei Leoni, Venezia, primi anni '60. Fondazione Solomon R. Guggenheim. Photo Archivio Cameraphoto Epoche. Donazione, Cassa di Risparmio di Venezia, 2005.

VENEZIA - Arrigo Cipriani, Giancarlo Paulon, Peggy Guetta Finzi, Aldo Trevisanello, sono le quattro voci, le quattro testimonianze storiche di chi ha conosciuto Peggy Guggenheim, di chi ha potuto incontrarla o frequentarla nel corso dei suoi 30 anni in laguna, che hanno dato vita al progetto “Vivavoce”. Si trata di un ciclo di video interviste realizzate insieme a un team di studenti del corso in “Nuove Tecnologie Dell'Arte - Arte e Linguaggi Della Comunicazione” dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. Gli studenti, tutti giovanissimi, hanno lavorato alla conduzione delle interviste, alle riprese, alle registrazioni audio, al montaggio e alla post produzione dei video.

Hanno partecipato: Matteo Panciera, Andrea Bazzanella, Tommaso Pradetto, Lu Wang e Stefano Zampieri coordinati dagli insegnanti Stefano Marotta e Roberto Russo. Il progetto “Vivavoce” rientra nel programma di Public Programs La continuità di una visione, una serie di attività e iniziative con cui il museo ha quest’anno reso omaggio a un doppio anniversario: i 70 anni dalla prima mostra realizzata da Peggy Guggenheim a Palazzo Venier dei Leoni e i 40 anni dalla sua scomparsa.

“Era di certo una donna dalla personalità molto forte, ed era evidente quando veniva qui a pranzo” - così Cipriani, imprenditore italiano ed erede del leggendario Harry’s Bar, ricorda Peggy Guggenheim quando era ospite con i suoi amati cagnolini del suo celebre locale, tra il 1957 e il 1958. Giancarlo Paulon, veneziano ex-campione di nuoto, parla invece delle cene a casa delle collezionista, dove veniva invitato insieme a tutta la sua famiglia, mentre Peggy Guetta Finzi la ricorda come una donna “intelligente e preziosa”. E infine Aldo Trevisanello, tra i più famosi corniciai della città, racconta di quando veniva a Palazzo Venier dei Leoni per consegnare alcuni materiali a Tancredi Parmeggiani, artista feltrino che all’inizio degli anni ‘50 aveva qui il suo studio per volere della stessa Peggy Guggenheim.

A partire dall’8 dicembre, tutte le domeniche fino a fine anno, i video saranno pubblicati sugli account social e sul canale YouTube della Collezione Peggy Guggenheim.

Ultima modifica il Venerdì, 06 Dicembre 2019 14:42




300x250-banksy-proroga.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio