WEB-160x142.gif

Mercoledì, 18 Settembre 2019 12:10

Uffizi, la mostra "Grand Tourismo" è la più visitata nella storia del museo

Scritto da 

L’esposizione, su progetto di Giacomo Zaganelli in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi, si è conclusa domenica 15 settembre 2019. Per oltre un anno ha accolto oltre due milioni e mezzo di  visitatori 

FIRENZE - Con oltre  due milioni e mezzo di  visitatori  "Grand Tourismo" è la mostra più visitata  di sempre nella storia delle Gallerie degli Uffizi. L’esposizione ha ottenuto circa 200mila visitatori in meno  della “cascata miraggio” del danese Olafur Eliasson a Versailles , la  mostra più visitata del mondo nel 2016, con 2,8 milioni di presenze.

"Grand Tourismo"  supera “The floating Piers”, l'installazione di Christo, che con le sue passerelle sul Lago d'Iseo nel 2016, in tre mesi ha visto transitare 1,2 milioni di persone. 

La mostra degli Uffizi ha anche superato l’esposizione dedicata a Tutankhamon, allestita presso la Grande Halle  de La Villette,  a Parigi, che ha registrato 1,3 milioni d'ingressi, battendo il  record del 1967, sempre della rassegna dedicata al faraone-bambino.

"Grand Tourismo" ha invitato il visitatori a  meditare sull'esperienza vissuta all'interno della Galleria, attraverso tre video Illusion, Everywhere but nowhere e Uffizi Oggi, sollecitando  una riflessione sull'identità del  turismo attuale e in particolare sulla consuetudine a filtrare  l'osservazione dell'opera d'arte (e non solo) attraverso l'obiettivo  di smartphone, telecamere, macchine fotografiche.

"Indubbiamente - commenta il Direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt -  la  tecnologia ha modificato e sta ancora cambiando la fruizione dei  nostri Musei. La mole di riproduzioni delle opere che conserviamo  cresce in maniera esponenziale modificandone la percezione, e anche il comportamento stesso del viaggiatore. Abbiamo voluto portare sulle  pareti degli Uffizi una riflessione interna al Museo offrendo ai  visitatori la possibilità di riconoscersi nei video come davanti ad  uno specchio che racconta come le esperienze sensoriali dirette e  reali siano sempre più filtrate da altri strumenti che ci connettono  con il virtuale. L'interpretazione di Giacomo Zaganelli incentrata  sulla sala dei capolavori di Botticelli implica un ripensamento delle  funzioni del museo stesso. Siamo felici che i visitatori abbiano  apprezzato questo progetto che prende la massificazione dei beni  culturali come leva per una riflessione approfondita sul turismo  nell'era digitale".

"L'aspetto più sorprendente - aggiunge Giacomo Zaganelli - è stato quello di aver avuto la possibilità di far riflettere il pubblico del museo più visitato d'Italia, in merito alla propria esperienza di turista e di osservatore. Durante questi tredici mesi e mezzo ho avuto l'occasione di far visitare la mostra a numerosi conoscenti e colleghi e devo riconoscere che la cosa che mi ha colpito, maggiormente e fin da subito, è stata la sua efficacia nei confronti di un pubblico senza confini e senza età. Il messaggio era chiaro e il fatto che fosse trasmesso proprio in quel luogo ne rafforzava esponenzialmente il suo contenuto".

Ultima modifica il Mercoledì, 18 Settembre 2019 12:14


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via dei Pastini 114, 00186 Roma - tel 06.98358445 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio