WEB-160x142.gif

Mercoledì, 13 Febbraio 2019 11:49

Un San Valentino speciale al Museo Novecento di Firenze

Scritto da 

Il 14 febbraio tre appuntamenti sequenziali che invitano a una riflessione profonda sull’amore e sui rapporti di coppia e su quanto sia necessario diffondere la cultura delle pari opportunità e della non violenza

FIRENZE - Il Museo Novecento di Firenze, sotto la direzione di Sergio Risaliti, propone un San Valentino speciale, che attraverso l’arte invita a una riflessione profonda sull’amore e sui rapporti di coppia.

Si parte alle 17, con Baci e abbracci, una conferenza spettacolo pensata per celebrare e festeggiare la parola amore, durante la quale il direttore artistico del Museo, Sergio Risaliti, illustrerà alcune delle più celebri immagini di baci e abbracci nella storia dell’arte: da Bronzino a Courbet, da Canova a Schiele, da Rodin a Picabia, da Via col vento a Titanic.

Alle 18.00 si prosegue con l’inaugurazione di “Frammenti di un discorso amoroso” installazione site-specific di David Reimondo a cura di Gaspare Luigi Marcone, primo appuntamento del ciclo Ora et labora, ideato da Sergio Risaliti, che invita un artista contemporaneo a elaborare un lavoro per il loggiato del Museo. 

Reimondo ha operato una riflessione sul celebre scritto di Roland Barthes Frammenti di un discorso amoroso. 

L’installazione Frammenti di un discorso amoroso (in mostra fino al 28 maggio) è un’opera site specific per il loggiato del Museo Novecento costituita da una rete metallica con circa 11mila led; la “griglia”, di grandi dimensioni (1,30 × 20 metri circa), è assemblata e saldata in modo artigianale mentre i led sono portatori di un messaggio volto all’attualità. Su questo “grande schermo” si aggregano e si disgregano i “frammenti” dei nuovi “simboli” elaborati da Reimondo.

Alle 18.30 la serata va avanti con  And Whatever I Do Will Become Forever What I've Done (E qualunque cosa io faccia si muterà per sempre in ciò che ho fatto), performance di Silvia CogotziLori LakoChiara MacinaiDania MenafraZoya Shokoohi, a cura di Sergio Risaliti, realizzata grazie al contributo degli assessorati alle Pari opportunità e alle Politiche giovanili del Comune di Firenze.  Ispirata  ai versi della poetessa polacca premio Nobel Wislawa Szymborska, la performance si tiene nel loggiato al primo piano del Museo Novecento e negli ambienti che ospitano la collezione Alberto Della Ragione. 

Le artiste hanno deciso di affrontare il tema dell’amore da un punto di vista totalmente inedito rispetto al comune modo di guardare a questa giornataponendo una riflessione più profonda sul rapporto che intercorre tra il maschile e il femminile con la conseguente distribuzione di responsabilità e opportunità.

L’intera operazione si pone come una riflessione che vuole guardare al di là del proprio naso, non limitandosi a uno sguardo sul femminile ma piuttosto sul mondo femminile e quello maschile in relazione - spiega Sergio Risaliti - e su come questo rapporto sia in grado di modificare e ribaltare liquidi equilibri attraverso impercettibili spostamenti di prospettiva, capaci di generare meccanismi di violenza appartenenti a circuiti inarrestabili”.

"L'arte è un potente strumento di comunicazione sociale per sensibilizzare sul rispetto dei diritti umani - hanno detto gli assessori alle Pari opportunità Sara Funaro e alle Politiche giovanili Andrea Vannucci -, sul drammatico fenomeno della violenza sulle donne e più in generale all'interno delle relazioni di coppia. La performance 'And whatever I do will become forever what I have done' nasce proprio con questo obiettivo affinché vengano accesi i riflettori sull'importanza di contrastare tali atti. Siamo convinti che questo messaggio abbia ancora più forza se lanciato nel giorno di San Valentino, che celebra l'amore nelle coppie". "La suggestione di questa iniziativa realizzata da cinque giovani artiste - hanno continuato Funaro e Vannucci - sarà l'occasione per offrire un ulteriore e stimolante momento per riflettere su quanto sia necessario diffondere la cultura delle pari opportunità e della non violenza. Grazie a MUS.E, al Museo Novecento e al suo direttore scientifico Sergio Risaliti per la grande sensibilità dimostrata verso il tema della violenza sulle donne e nelle relazioni e per l'impegno dimostrato per far sì che questo bel progetto potesse realizzarsi."

Ultima modifica il Mercoledì, 13 Febbraio 2019 12:08


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio