BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Martedì, 30 Maggio 2017 14:07

L'Aeroporto di Fiumicino diventa museo con le opere di Ostia antica

Scritto da 

Grazie a una partnership tra Aeroporti di Roma e il Parco Archeologico di Ostia Antica, sono state collocate nell’area di imbarco internazionale E, tre statue originali del II secolo dopo Cristo, rinvenute durante gli scavi del 1939, che rappresentano Apollo, Afrodite e la divinità fluviale del Tevere

ROMA - L’Aeroporto si trasforma così in un museo attraverso queste sculture che hanno un legame particolare con il territorio. Provengono dalla zona che diventerà per secoli la base di arrivo e di partenza dei traffici dell'antica Roma, attraverso un sistema portuale capace di collegarsi con tutto il mondo allora conosciuto, la stessa area che oggi ospita l’Aeroporto internazionale Leonardo da Vinci. E' dunque sulla base di questa significativa relazione storica, logistica e culturale con Ostia Antica che Aeroporti di Roma ha scelto di ospitare le tre statue. La storia delle tre sculture è stata raccontata dai giovani attori del Teatro di Roma, che si sono esibiti di fronte ai passeggeri in un happening artistico-musicale nel corso dell'inaugurazione dell'area espositiva. L’area espositiva è stata inoltre dotata di alcuni supporti multimediali che descrivono la mostra e le bellezze del Parco Archeologico di Ostia Antica.

Sempre in collaborazione con il Parco di Ostia Antica, è in corso in questi giorni anche il progetto "Navigare il Territorio", che consente a cittadini e passeggeri di visitare gratuitamente i Porti Imperiali di Claudio e Traiano, collegati direttamente con lo scalo da un servizio navetta gratuito. 

L’amministratore delegato di Adr, Ugo de Carolis, ha sottolineato: "Con l'esposizione di statue originali di Ostia antica, diamo rilievo internazionale a un'altra grande realtà storica e archeologica del nostro territorio. Chi parte o atterra a Fiumicino - ha continuato de Carolis - può trovarsi immerso in una mostra, ascoltare un talento dell'Accademia di Santa Cecilia esibirsi al pianoforte, visitare il Porto di Traiano tra una coincidenza e l'altra, gustare le prelibatezze di grandi chef stellati che operano nei nostri Terminal''. ''E' questo il nostro modo di accogliere i passeggeri, che ci hanno confermato il loro apprezzamento votandoci come primo aeroporto europeo per qualità dei servizi" -  ha concluso de Carolis. 

Mariarosaria Barbera, Direttore del Parco archeologico di Ostia antica ha dichiarato: ''la mostra costituisce il primo passo di un percorso appena avviato, che mira ad inserire lo splendido Parco di Ostia-Portus in un circuito più ampio di conoscenza e fruizione, da parte di un vasto pubblico che intendiamo estendere anche ai viaggiatori internazionali. Il Parco ha lavorato per concretizzare un'idea di Alfonsina Russo, in un'ideale staffetta tra Direttori, mossa dalla volontà di esplicitare lo stretto collegamento fra la più importante infrastruttura portuale dell'antichità e la più grande infrastruttura aeroportuale del nostro Paese, significativamente situati a brevissima distanza''.

Alfonsina Russo, Sovrintendente Belle Arti, e Paesaggio per l'area metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l'Etruria meridionale, ha spiegato: “La statua del dio Tevere è centrale nell'esposizione, a richiamare lo stretto rapporto di Ostia antica con il fiume e con Roma, mentre la statua di Venere, dea che nasce dalle spume del mare, evoca il rapporto tra la città e il mare. La statua di Apollo, ritratto mentre suona la cetra, rimanda alla passione degli antichi Romani per la musica, le arti e le rappresentazioni teatrali e invita a visitare il teatro del I secolo d.C., il monumento forse di maggior fascino degli scavi di Ostia”. 

Ultima modifica il Martedì, 09 Aprile 2019 10:48


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio