160x142-banksySarzana.gif

Martedì, 19 Gennaio 2021 14:29

Firenze, riaperto il Giardino di Boboli

Scritto da 

Schmidt: “questa è solo la prima tappa del nostro programma di riaperture: domani sarà la volta di Palazzo Pitti, e giovedì i corridoi e le sale della Galleria delle Statue e delle Pitture degli Uffizi torneranno ad accogliere il loro pubblico"

FIRENZE -  "Oggi, dopo due mesi e mezzo di chiusura, il Giardino di Boboli può accogliere nuovamente i visitatori. Ma questa è solo la prima tappa del nostro programma di riaperture: domani sarà la volta di Palazzo Pitti, e giovedì i corridoi e le sale della Galleria delle Statue e delle Pitture torneranno ad accogliere il loro pubblico". Così il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, aprendo questa mattina i cancelli del parco mediceo, chiuso, come tutti i musei e luoghi di cultura italiani, dal 5 novembre scorso.

"Un bellissimo segnale per la ripresa della cultura: oggi riapre al pubblico il Giardino di Boboli. Con la speranza che presto si possa tornare anche nei cinema e teatri, mantenendo sempre la massima attenzione alla sicurezza". Ha commentato su Facebook Eugenio Giani, presidente della Toscana, postando anche la foto che lo ritrae insieme al direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schimdt, questa mattina a Firenze, nel momento della riapertura del parco mediceo di Boboli.

Orari e misure di sicurezza 

Giardino di Boboli - L'orario di apertura sarà dalle ore 8,30 alle ore 16,30 nei mesi di gennaio e febbraio; dalle ore 8,30 alle ore 17,30 nel mese di marzo. I giorni di apertura andranno da lunedì a venerdì, ad eccezione del primo e ultimo lunedì del mese in cui il Giardino, come di consueto, resterà chiuso. L'ultimo ingresso consentito sarà un'ora prima della chiusura. In questa prima fase il Museo delle Porcellane resterà chiuso.

Palazzo Pitti (aperto da mercoledì 20 gennaio 2021) - L'orario di apertura sarà dalle ore 8,30 alle ore 13,30 dal martedì al venerdì. L'ultimo ingresso consentito sarà un'ora prima della chiusura. Sarà possibile visitare la Galleria d'Arte Moderna, il Tesoro dei Granduchi e la Galleria Palatina, compresa la mostra sul restauro del dipinto di Raffaello con Il Papa Leone X e due cardinali, nella Sala delle Nicchie. Il Museo della Moda e del Costume resterà chiuso per lavori di allestimento.

Galleria degli Uffizi (aperta da giovedì 21 gennaio 2021) - L'orario di apertura dalle ore 8,30 alle ore 18,30 dal martedì al venerdì. L'ultimo ingresso consentito sarà un'ora prima della chiusura. In questa prima fase sarà possibile intanto visitare le 40 sale del secondo piano, compresa la mostra sul dipinto 'Esperimento su di un uccello inserito in una pompa pneumatica' di Joseph Wright of Derby, capolavoro in prestito dalla National Gallery di Londra (ancora fino a venerdì compreso, perché la settimana prossima il celebre dipinto dovrà ripartire alla volta dell'Inghilterra). Si potrà visitare inoltre la mostra archeologica 'Imperatrici, matrone, liberte. Volti e segreti delle donne romane', nella Sala Detti e nella Sala del Camino al primo piano degli Uffizi.

La validità delle tessere annuali "Passepartout", inclusa "Passepartout Family" è prorogata di 77 giorni, per compensare quelli della chiusura.

Misure di sicurezza anti-Covid applicate in tutti gli spazi delle Gallerie degli Uffizi: l'accesso sarà permesso solo con l'uso di mascherine; prima dell'accesso sarà misurata la temperatura corporea con idonei strumenti. Non saranno ammesse persone con temperatura superiore a 37,5; dovrà essere rispettato il distanziamento minimo di un metro fra una persona e l'altra, consigliato 1,80 m; sono consentiti gruppi fino a 10 persone distanziate di almeno un metro fra loro, se con guida dovranno essere già forniti di apparecchi radioguida.

I bookshop sono attualmente chiusi e in questa prima fase non è possibile affittare audioguide.

Ultima modifica il Martedì, 19 Gennaio 2021 14:45


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio