160x142-banksySarzana.gif

Venerdì, 18 Dicembre 2020 12:37

Complesso della Pilotta, la Biblioteca Palatina svela 35 manoscritti greci realizzati tra il X e il XVIII secolo

Scritto da 

Pubblicati online sono ora a disposizione degli studiosi e degli appassionati di tutto il mondo. Un progetto culturale che ha richiesto anni di studi specialistici, interventi tecnici di alto livello e collaborazioni prestigiose

PARMA - La Biblioteca Palatina del Complesso della Pilotta mette a disposizione di  studiosi e appassionati di tutto il mondo un grande tesoro: 35 manoscritti greci realizzati tra il X e il XVIII secolo. 

La pubblicazione online dei manoscritti cela un grande lavoro  scientifico e un progetto culturale che ha richiesto anni di studi specialistici, interventi tecnici di alto livello e collaborazioni prestigiose, tra cui l’Università di Parma, partner del progetto e tre realtà di gran livello: la Chiesi Farmaceutici spa, la Dallara spa e la ditta Memores di Firenze, che  si è occupata dei passaggi tecnici imprescindibili per la pubblicazione delle immagini. 

“Questa nuova apertura al mondo è un segno di come stiamo realizzando la Nuova Pilotta – afferma Simone Verde, direttore del Complesso museale statale parmense -  non un fortino chiuso di sapere per pochi, ma una piattaforma dove i saperi vengono condivisi, con gli utenti e visitatori locali ma anche con coloro che a Parma non possono venire ma che vogliono conoscere i tesori incredibili della nostra Città. Ovunque essi siano”.

Responsabile scientifico del progetto è Massimo Magnani, professore di Lingua e Letteratura Greca dell’Università di Parma, che è stato anche curatore del convegno di studi sui manoscritti greci della Palatina, realizzato in Biblioteca nel novembre del 2019. Il lavoro è stato svolto in collaborazione con la Direzione della Biblioteca Palatina. 

La pubblicazione è avvenuta in “Internet Culturale”, portale di accesso al patrimonio delle biblioteche pubbliche e di prestigiose istituzioni culturali italiane, curato dall’Istituto centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche (ICCU). L’indirizzo da cui è possibile accedere alla collezione è http://www.internetculturale.it/it/41/collezioni-digitali/29848/: ogni singolo manoscritto può essere visualizzato, sfogliato, ingrandendo le pagine o particolari di pagina. Il dettaglio dell’immagine è altissimo, permettendo anche di cogliere il dettaglio fisico delle pergamene o delle carte sulle quali i testi sono stati scritti.

Sul portale -  come spiega la direttrice della Palatina, dottoressa Paola Cirani - è a disposizione “l’intera raccolta di manoscritti greci della  biblioteca. Opere preziose e di enorme interesse, imprescindibili per studiosi di diverse discipline. 11 di essi provengono dal Fondo Palatino, nato dalla raccolta iniziata a Lucca dai Duchi di Borbone, che riunirono manoscritti acquistandoli da importanti collezioni private, come quella dei tre cardinali della famiglia Buonvisi. Uno dei pezzi più preziosi è il Ms. Pal. 5, sontuoso Tetraevangelo, datato intorno all’anno Mille. Altri 24 manoscritti appartengono al Fondo Parmense, dove si trovano grazie all’opera di Paolo Maria Paciaudi (1710-1785), primo bibliotecario della Palatina, e di Giovanni Bernardo de Rossi (1742-1831), artefice della raccolta di quel fondo ebraico di manoscritti e stampati, che rende unica a tutt’oggi la Biblioteca. Tra i tesori di questo fondo vi è il Rotolo in pergamena (Ms. Parm. 1217/2), riunito con altri tre in una custodia, arricchita dallo stemma impresso in oro di Ferdinando di Borbone, oltre all’Etimologico di Simone Grammatico, opera di valore inestimabile.”

Info: http://www.bibliotecapalatina.beniculturali.it 

Ultima modifica il Venerdì, 18 Dicembre 2020 12:46


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio