160x142-banksy-palermo.gif

Venerdì, 13 Novembre 2020 10:37

Bookcity 2020, da Intesa Sanpaolo due ricerche sui consumi culturali durante il lockdown

Scritto da 

Venerdì 13 novembre, alle ore 16, la presentazione dei risultati delle ricerche “I consumi culturali degli italiani ai tempi del Covid-19: vecchie e nuove abitudini” e “Effettofestival 2020: i festival di approfondimento culturale ai tempi del Covid-19”

MILANO - Nell’ambito della manifestazione Bookcity 2020, vengono presentate venerdì 13 novembre due ricerche commissionate da Intesa Sanpaolo:  “I consumi culturali degli italiani ai tempi del Covid-19: vecchie e nuove abitudini” e “Effettofestival 2020: i festival di approfondimento culturale ai tempi del Covid-19”, volte ad indagare l'impatto del lockdown sulla cultura italiana e per mettere a disposizione di operatori culturali e pubblico strumenti di analisi per la ripartenza dell’attività secondo i nuovi parametri.

La ricerca “I consumi culturali degli italiani ai tempi del Covid-19: vecchie e nuove abitudini”, condotta da Ipsos,  si è svolta dal 6 al 21 ottobre 2020, interessando un campione di 1000 persone a livello nazionale e 200 fruitori abituali della cultura. L'indagine ha evidenziato l'importanza del digitale nella fruizione della cultura durante il periodo di confinamento, sia per i 'neofiti', cioè coloro 'che si sono avvicinati al mondo della cultura a partire dal lockdown', sia per i fruitori abituali.
La fruizione dal vivo è sicuramente il modo migliore per valorizzare un evento culturale, sia esso una mostra, uno spettacolo teatrale o la presentazione di un libro, perché offre un'esperienza immersiva, completa e valorizzante. Il lockdown ha quindi inizialmente disorientato, soprattutto i fruitori abituali. La fruizione dal vivo degli eventi/attività culturali è mancata molto all'86% del campione e al 94% dei fruitori abituali. Il 53% ha tuttavia cercato nuove modalità di fruizione culturale a distanza e il digitale ha ricoperto un ruolo chiave durante il lockdown. 

Il digitale può dunque diventare un elemento di integrazione della fruizione in presenza,  completando e arricchendo l’evento con contenuti extra, digitali.

La seconda ricerca “Effettofestival 2020: i festival di approfondimento culturale ai tempi del Covid-19”, realizzata da Giulia Cogoli e Guido Guerzoni, è stata condotta su un campione di 87 festival nazionali per indagare come le rassegne culturali hanno reagito di fronte all'emergenza sanitaria, che ha negato l'aggregazione e della presenza fisica, uno degli elementi principali. La ricerca ha evidenziato che il 17% delle rassegne ha annullato l'edizione 2020, il 7% ha proposto una doppia edizione, online e in presenza (a lockdown finito), il 17% ha optato per una formula completamente online.

Per le rassegne culturali il digitale sarà quindi un elemento irrinunciabile per il futuro: il 46% delle manifestazioni culturali proporranno nel 2021 la formula ibrida tra online e live, con format nuovi e contenuti che andranno ad integrare l'esperienza dal vivo.

Ultima modifica il Venerdì, 13 Novembre 2020 10:50


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio