160x142-banksy-palermo.gif

Martedì, 10 Novembre 2020 17:20

Lo schermo dell’arte. “Spit earth: who is Jordan Wolfson?”, documentario sul controverso artista newyorchese. Video

Scritto da 

Il film, per la regia di James Crump, analizza la produzione di Wolfson, dai video che hanno attirato l’attenzione agli inizi della carriera, alle sculture animatronic che l’hanno reso un personaggio amato e odiato al tempo stesso, cercando di rispondere alla domanda se sia possibile separare il lavoro dell’artista dall’uomo

Nato il 9 ottobre 1980 a New York, Jordan Wolfson si è laureato alla Rhode Island School of Design di Providence, ha ricevuto nel 2003 il BFA in scultura. Oggi Wolfson è un artista controverso e famoso a causa di opere, inquietanti e provocatorie, che suscitano reazioni estreme e opposte da parte di coloro che lo criticano o lo sostengono. Grazie all’uso di differenti tecnologie quali la realtà virtuale, l’animazione e i modelli robotici, le sue creazioni sollevano una serie di questioni che riguardano la società contemporanea: omofobia, misoginia, razzismo, nazionalismo, antisemitismo e violenza.

A partire da “Female figure” del 2014, il documentario di un’ora “Spit earth: who is Jordan Wolfson?” di James Crump analizza la produzione di quest’artista discusso – dai video che hanno attirato l’attenzione agli inizi della carriera, alle sculture animatronic che l’hanno reso un personaggio amato e odiato al tempo stesso - cercando di rispondere alla domanda se sia possibile separare il lavoro dell’artista dall’uomo.  Il film mira a decifrare la psicologia che sta dietro opere imperniate su sadismo e violenza, traumi repressi, manifestazioni psicosessuali, identità di genere. Per far questo, oltre a far parlare lo stesso Wolfson - che contrariamente a come è descritto appare persona di calma serafica - James Crump intervista alcuni esperti che hanno frequentato l’artista. 

Il direttore dell'Institute of Contemporary Arts di Londra, lo definisce uno psicopatico; Emma Fernberger direttrice della Galleria Eva Presenhuber di New York ne parla come di“una persona smarrita”; la scrittrice Erica Jong, zia acquisita perché moglie del fratello di sua madre, ce lo raffigura come qualcuno che ha trovato attraverso l’arte la propria identità. James Crump non esaurisce le domande di tipo psicologico, fa il ritratto di una personalità estremamente complessa e brillante, un creativo che attraverso il suo lavoro è riuscito a condensare i principali elementi utili per il consumo dell’arte, per lo spettacolo e la fama in una società quale la nostra.

Spit earth: who is Jordan Wolfson?”

Director: James Crump

Writer: James Crump

Stars: Jack BankowskyAndrianna Campbell-LaFleurJeffrey Deitch 

“Spit earth: who is Jordan Wolfson?” Video

 

Ultima modifica il Martedì, 10 Novembre 2020 17:27


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio