BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Giovedì, 06 Agosto 2020 11:15

Design italiano all’asta da Artcurial a Parigi

Scritto da 

Il 28 settembre la terza edizione dell’asta monotematica sarà dedicata allo stile italiano e al Razionalismo. Oltre 100 i lotti portati all’incanto, tra cui pezzi firmati da grandi designer come Gio Ponti, Gino Sarfatti, Alessandro Mendini e Gastone Rinaldi

Alessandro MENDINI, Fauteuil dit "Proust" – 1978, Structure en bois et tissu peints à l'acrylique. Edition limitée Studio Alchymia - 108 x 104 x 90 cm, Wood and acrylic painted fabric "Proust" armchair by Alessandro Mendini – 1978. Estimation : 15 000 - 20 000 € Alessandro MENDINI, Fauteuil dit "Proust" – 1978, Structure en bois et tissu peints à l'acrylique. Edition limitée Studio Alchymia - 108 x 104 x 90 cm, Wood and acrylic painted fabric "Proust" armchair by Alessandro Mendini – 1978. Estimation : 15 000 - 20 000 €

PARIGI - Torna il 28 settembre la terza edizione della “evening sale” di Artcurial dedicata al design italiano.  Oltre 100 i lotti che verranno presentati, tra cui pezzi straordinari firmati da grandi designer come Gio Ponti, Gino Sarfatti, Alessandro Mendini e Gastone Rinaldi.

La lampada a piantana Mod.1049 di Vittoriano Viganò, creata nel 1951 e prodotta da Arteluce, sarà la star della serata. Figlio del pittore Vico Viganò, Vittoriano si laurea al Politecnico di Milano, studiando al fianco degli architetti brutalisti del gruppo B.B.P.R. Assistente di Gio Ponti per molto tempo, negli anni Cinquanta Viganò diventa direttore artistico di Arteluce, introducendo il suo approccio razionalista nella produzione dell’azienda. In questo periodo presso Arteluce crea il Mod.1049, una lampada a piantana molto rara che ricorda il Mod.1057 di Gino Sarfatti. Il pezzo, scovato e portato all’incanto da Artcurial, è stimato tra i 25 000 e i 35 000 €.

Evidenti le connessioni con un altro lotto presente in catalogo: la panca di B.B.P.R proveniente dal Castello Sforzesco di Milano. Costruita in noce, acciaio placcato nero e ottone, la panca è datata 1952. Il lotto, progettato dai quattro B.B.P.R. per la Sala delle Asse, rappresenta un perfetto esempio di Razionalismo italiano e viene presentato in asta con una stima iniziale che va dai 10 000 ai 15 000 €.

Altro pezzo straordinario, divenuto oggetto di culto, è la poltrona «Proust» di Alessandro Mendini. Il designer, per questo progetto ha preso ispirazione in Francia, nei luoghi vissuti da Marcel Proust, di cui Mendini era estremamente affascinato, al punto da dedicargli una poltrona.  Il pezzo, una seduta in stile post-moderno, è stato progettato nel 1978 con lo Studio Alchimia e presenta uno spiccato stile finto-barocco su di una struttura dipinta a mano in acrilico. I puntini di pittura sono un chiaro riferimento al Puntinismo e richiamano direttamente le opere di Paul Signac. Mendini la definiva un lavoro di Re-design, il risultato di un puzzle di elementi finto antichi su un prato di Paul Signac. Esistono appena 15 esemplari colorati a mano come quello proposto in asta da Artcurial che viene offerto con una stima iniziale di 15 000-20 000 €.

Di Gastone Rinaldi sarà presentato un set divano e poltrone DU55, una coppia di poltrone DU43 e il sofa Saturno, mentre il lavoro di Gabriella Crespi viene celebrato attraverso alcuni pezzi dalla serie Plurimi, un tavolo “Scultura” di grandi dimensioni e un «Cubo Magico»

In catalogo anche dei bellissimi lotti progettati da Andrea Branzi con una panca firmata e numerata dalla serie «Animali Domestici».

Vademecum

Mostra in anteprima: da venerdì 25 a domenica 27 settembre 2020
Asta Design Italiano: lunedì 28 settembre 2020, ore 19.00
Artcurial - 7, rond-point des Champs-Elysées - 75008 Paris
Catalogo disponibile online: www.artcurial.com

PROSSIME ASTE
27 ottobre: Design Scandinavo
24 novembre: Art Déco / Design

Ultima modifica il Giovedì, 06 Agosto 2020 11:33


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio