BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Mercoledì, 22 Luglio 2020 12:52

Dopo il Covid chiude a Roma il Musja, lo spazio di arte contemporanea voluto da Ovidio Jacorossi

Scritto da 

Ad annunciarlo in una lettera Ovidio Maria Jacorossi, direttore del museo e figlio del fondatore. Il museo era  natopoco meno di un anno fa con l'obiettivo di condividere, con tutta la comunità, la vasta collezione dell’imprenditore/collezionista 

Chiharu Shiota, Sleepilng is like Death, 2019. Installation view. Courtesy l'artista & Galerie Templon e Gino De Dominicis, Untitled. 1985. Courtesy Collezione Jacorossi, Roma. Chiharu Shiota, Sleepilng is like Death, 2019. Installation view. Courtesy l'artista & Galerie Templon e Gino De Dominicis, Untitled. 1985. Courtesy Collezione Jacorossi, Roma.

ROMA - E’ durata circa un anno l’esperienza di Musja, il museo privato voluto da Ovidio Jacorossi per condividere con la comunità la sua vasta collezione di arte contemporanea. A causa del Covid e di mancanza di prospettive, infatti, con grande rammarico, Ovidio Maria Jacorossi, direttore del museo e figlio del fondatore, comunica in una lettera la chiusura del Museo.

Nella nota si legge: "La breve ma intensa esperienza di Musja  si conclude però con un grande successo: la mostra 'The Dark Side - Chi ha paura del buio?', a cura di Danilo Eccher, con la quale è stato inaugurato a ottobre 2019 il palinsesto espositivo. In pochi mesi abbiamo accolto oltre 10 mila visitatori, il cui entusiastico riscontro ci ha dato forza, ha confermato la validità del progetto e dimostrato la necessità di simili iniziative".

"Purtroppo le misure restrittive - continua il direttore del museo - dovute all'emergenza sanitaria da Covid-19 non hanno consentito al Museo di riaprire le sue porte. I limiti agli accessi e le numerose prescrizioni sanitarie non combaciano, infatti, né con le caratteristiche di una mostra ricca di grandi installazioni site-specific né con la particolarissima struttura dello spazio, ricavato in un edificio che sorge nel cuore di Roma, sulle antiche rovine del Teatro di Pompeo e che nei secoli ha visto stratificarsi elementi architettonici di epoche diverse, dall'età romana sino al Rinascimento". 

"Custode di un patrimonio così prezioso - racconta Jacorossi - la famiglia Jacorossi ha deciso nel 2017 di intervenire con un'importante opera di restauro che ha tutelato lo spazio, preservandone le peculiarità, e rendendolo adatto ad aprirsi al pubblico. Da qui è nato 'Musia', un laboratorio di sperimentazione multidisciplinare che nel tempo è cresciuto per poi trasformarsi in 'Musja', un vero e proprio museo, innovativo, aperto al dialogo con il pubblico e ispirato dalla profonda convinzione di Ovidio Jacorossi sulla centralità della persona umana. Un principio che gli ha permesso - nel corso della sua lunga attività - di considerare arte e impresa come un binomio inscindibile, individuando proprio nell'arte quel punto d'incontro tra il perseguimento del profitto e l'interesse collettivo”.

"Purtroppo l'esperienza di Musja termina qui. Per quanto motivati a rimboccarci le maniche e desiderosi di contribuire alla ripartenza del settore culturale - aggiunge Jacorossi - per una piccola realtà privata come la nostra, il momento non è dei più felici. I procedimenti eccessivamente burocratizzati, i pochi incentivi per la ripartenza e la grande incertezza per ciò che avverrà, non ci consentono di impostare una programmazione per i prossimi mesi. Eppure, l'arte e la cultura guardano al futuro, lo immaginano e contribuiscono a delinearne i contenuti. Nell'assenza di prospettive si spegne la loro luce, le si rende impotenti e si priva la comunità di un valore imprescindibile”.

"La mostra 'The Dark Side - Chi ha paura del buio? - conclude il direttore del museo - affrontava proprio questo tema: 13 artisti di rilievo internazionale presentavano la loro personale interpretazione di quel sentimento e di come superarlo. Ci auguriamo che questo buio svanisca presto e che l'arte possa tornare quanto prima a svolgere il proprio ruolo di luce e di guida".

Ultima modifica il Mercoledì, 22 Luglio 2020 15:13


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio