BANKSY-banner-metamorfosi-160x142.jpg

Mercoledì, 03 Giugno 2020 17:08

I Musei Reali di Torino raccontano in un video i ripensamenti di Botticelli su "La Venere pudica"

Scritto da 

Sul canale YouTube del Mibact, i risultati delle indagini diagnostiche relative a una delle opere più iconiche del museo rivelano importanti ed inedite informazioni sulla genesi dell’opera e sulla tecnica

TORINO - Un breve ed interessante filmato quello che i Musei Reali di Torino presentano sul canale YouTube del Mibact, nel qualela storica dell'arte Annamaria Bava e la restauratrice Tiziana Sandri illustrano i ripensamenti di Sandro Botticelli su "La Venere pudica”, una delle opere più iconiche del Museo.

Sotto la pellicola pittorica di tempera e olio su tela sono visibili i tratti del disegno di Botticelli che evidenziano dubbi e ripensamenti nel trovare la giusta posizione delle mani, dei piedi, delle ginocchia  nella definizione degli arti e i tratti rimarcati dell’ovale del volto. Le radiazioni infrarosse portano alla scoperta del processo creativo e rivelano importanti informazioni sulla genesi dell’opera e sulla tecnica.

Il dipinto torinese, dove la figura della dea - su fondo scuro, disposta in piedi su un basamento come una scultura - richiama subito La nascita di Venere delle Gallerie degli Uffizi.

Acquistata nel 1920 dal finanziere e collezionista Riccardo Gualino che la donò nel 1930 alla Galleria Sabauda, l'opera fu dipinta nel momento di massima attività della bottega del maestro fiorentino, alla fine del XV secolo, negli anni 1485 - 1490. Nei tratti della Venere è sembrato riconoscere Simonetta Vespucci, giovane di ineguagliabile bellezza, amata da Giuliano De’ Medici, fratello minore di Lorenzo. Della Venere di Torino, che ha una perla tra i capelli, – si spiega nel video - esiste una versione gemella conservata a Berlino, dai colori più chiari, ma è lo stesso Vasari  a ricordare che a casa De’ Medici esistevano molti quadri con nudi di donne.

Nel 1926 il critico Leonello Venturi sostiene che la "Venere pudica" non sia altro che lo studio per "La nascita di Venere". Per conoscere le relazioni tra le diverse Venere di Botticelli, lo scorso anno, quella della Collezione Gualino è stato oggetto di approfondite indagini diagnostiche condotte da Thierry Radelet, coaudiuvato dai tecnici del laboratorio di restauro dei Musei Reali.

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Giugno 2020 17:16


BANKSY-banner-metamorfosi-300x250.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio