WEB-160x142.gif

Mercoledì, 20 Novembre 2019 14:58

Il ritratto di Pietro Aretino di Sebastiano del Piombo da Arezzo alle Gallerie degli Uffizi di Firenze

Scritto da 

L'olio su tela con "Petrus Aretinus acerrimus virtutum ac vitiorum demonstrator" venne donato dall'Aretino al Municipio di Arezzo nel 1526. Il dipinto resterà esposto a Firenze dal 26 novembre al 3 marzo 2020 nell'ambito della mostra "Pietro Aretino e le arti nel Rinascimento"

FIRENZE -  Il dipinto  "Petrus Aretinus acerrimus virtutum ac vitiorum demonstrator"  di Sebastiano del Piombo sarà esposto dal 26 novembre al 3 marzo 2020 agli Uffizi nell’ambito della mostra "Pietro Aretino e le arti nel Rinascimento".

L’opera si sposterà quindi dal Municipio di Arezzo per raggiungere Firenze. Obiettivo dell'esposizione fiorentina è dare conto del legame profondo e duraturo tra il letterato Pietro Aretino e gli artisti e uomini più rappresentativi della sua epoca, come Raffaello, Tiziano, Sansovino, Michelangelo, Cosimo I de' Medici, Vasari.

Il percorso espositivo seguirà quindi le vicende biografiche dell’Aretino fra Arezzo, Perugia, Roma, Mantova, Venezia e illustrerà l'avvicendarsi di scenari, rapporti e tematiche attraverso varie sale e grazie a una rilevante documentazione.

Il sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, spiega: "Di Pietro Aretino conosciamo i sonetti e i dubbi amorosi ma questa mostra lo consacra in un ruolo magari meno noto ma importantissimo: quello di testimone accreditato del suo tempo. Siamo fieri di poter prestare a uno dei primi musei del mondo un'opera che fa bella mostra di sé nella massima assise cittadina". "La richiesta ci è pervenuta dal direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt - sottolinea Ghinelli - lo ringrazio pubblicamente per l'organizzazione di una mostra dedicata a uno dei grandi aretini del passato, che reca lustro alla città e la proietta ancora una volta in una dimensione internazionale, vista la provenienza dei turisti che quotidianamente affollano le sale fiorentine". "Mi viene da aggiungere - continua il primo cittadino - che Pietro Aretino si troverà in ottima compagnia, quasi a volersi riunire con i suoi concittadini che spiccano fra le statue degli illustri toscani nel loggiato esterno degli Uffizi, a dimostrazione di quanto Arezzo abbia contribuito alla cultura e alla storia: Petrarca, Francesco Redi, Guido monaco, Andrea Cesalpino, Michelangelo".

Ultima modifica il Mercoledì, 20 Novembre 2019 15:06


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio