WEB-160x142.gif

Martedì, 19 Novembre 2019 12:27

DNArt, il nuovo sistema di anticontraffazione di opere d'arte basato sul Dna sintetico

Scritto da 

L’innovativa tecnologia, sviluppato da Aries, lo spin-off dell'Università Ca' Foscari di Venezia,  è stata presentata alla fiera ArtePadova 2019 

VENEZIA - Si chiama DNArt e nasce con lo scopo di proteggere le opere d’arte dalla contraffazione. La tecnologia consiste nell’utilizzo di un Dna sintetico, ovvero un'impronta genetica da applicare sulle opere d’arte, unica e invisibile e soprattutto impossibile da replicare.

Come spiegato da Alessandro De Toni, ceo di Aries, spin-off dell'Università Ca' Foscari di Venezia, che ha ideato questo sistema, “DNArt è  frutto di anni di ricerche e rappresenta un'evoluzione del concetto di sistema anticontraffazione”. Si tratta di una tecnologia “utilissima per catalogare e rendere riconoscibile univocamente l'immenso patrimonio artistico del nostro Paese”. 

Un sistema dunque molto utile anche perché, come sottolineato da  De Toni, “può essere associato ai sistemi di tracciamento già presenti sul mercato”. Basti pensare, infatti che, secondo i dati diffusi dal Rapporto sull'Attività Operativa del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, solo nel 2018 sono stati sequestrati 1.232 falsi per un valore stimato di oltre 422 milioni. 

Questa nuova tecnologia è stata presentata alla ArtePadova 2019 e sperimentata al momento su una tela dello street artist Alessio-B. 

Ultima modifica il Martedì, 19 Novembre 2019 12:30


WEB-250x300.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
Società editrice ARTNEWS srl via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio