160x142-banksy-palermo.gif

Venerdì, 11 Settembre 2020 17:39

Collezioni Comunali d'Arte di Bologna, visita guidata speciale al "Ritratto di Gonfaloniere" di Artemisia Gentileschi in partenza per la National Gallery di Londra

Scritto da 

Sabato 12 settembre 2020, alle 16.30, un’occasione per salutare l’opera a pochi giorni dalla partenza per l’istituzione museale londinese che dedica una grande mostra alla celebre pittrice italiana, la prima e a lungo attesa in Gran Bretagna, in programma dal prossimo 3 ottobre fino al 24 gennaio 2021

Artemisia Gentileschi (Roma, 1593 - Napoli, 1654) Ritratto di Gonfaloniere, 1622 Olio su tela, cm 208,4 x 128,4 Numero di inventario: inv. P 4 Bologna, Collezioni Comunali d'Arte Artemisia Gentileschi (Roma, 1593 - Napoli, 1654) Ritratto di Gonfaloniere, 1622 Olio su tela, cm 208,4 x 128,4 Numero di inventario: inv. P 4 Bologna, Collezioni Comunali d'Arte

BOLOGNA - Sabato 12 settembre 2020, alle h 16.30, si svolgerà una speciale visita guidata al dipinto “Ritratto di Gonfaloniere" di Artemisia Gentileschi, custodito nelle Collezioni Comunali d'Arte di Bologna e in partenza per Londra, dove sarà esposto nell'eccezionale esposizione intitolata Artemisia che la National Gallery dedica alla celebre pittrice italiana.

L'incontro di approfondimento, curato da Giacomo Alberto Calogero racconterà l'opera, acquisita dal Comune di Bologna nel 1910 per eredità di Agostino Sieri Pepoli, che si può ammirare nella Sala 1 del museo, dove sono raccolte grandi tele seicentesche raffiguranti i volti di gentiluomini e gentildonne di antichi casati.

Accanto alla straordinaria carriera di Artemisia Gentileschi (Roma, 1593 - Napoli, 1654) verrà ripercorsa anche la storia della ritrattistica italiana prodotta nel Seicento, tra cui i massimi esempi si colloca il Ritratto di Gonfaloniere.

L’opera 

Il dipinto a olio fu eseguito nel 1622, come attesta la firma autografa un tempo leggibile nel retro della tela, prima della sua rifoderatura: ARTEMISIA GENTILESCA FACIEBAT ROMAE 1622. L'opera, uno delle poche della pittrice a risultare datato, costituisce un fondamentale documento della sua attività ritrattistica, elogiata dai contemporanei ma non altrimenti testimoniata da opere certe.

Del gonfaloniere pontificio effigiato a figura intera non si conosce l'identità. Egli sfoggia un'elegante armatura militare splendidamente valorizzata dalla vibrante qualità luminosa del tessuto pittorico. La mano sinistra è posata sull'elsa della spada, infilata nel fodero, mentre la destra si appoggia su un tavolino, ricoperto da un drappo con ricamato uno stemma non identificato. Sopra è appoggiato un elmo con un cimiero di piume. Sulla parete di fondo si proietta l'ombra del cavaliere e accanto è appoggiato il gonfalone papale, che egli doveva avere il compito di portare in parata. Il dipinto riproduce con cura la vivace espressione dell'uomo e la consistenza dei diversi materiali raffigurati, come le stoffe e il metallo, grazie a un sapiente dosaggio delle ombre.

Nel Seicento le armature venivano indossate dai cavalieri solo durante le parate o i tornei. Per questo nel dipinto l'armamento in metallo copre tutto il corpo, ma spuntano dai bracciali i polsini di sottile tessuto e dalla corazza il collo detto ‘a lattuga’. La croce trifogliata forgiata sulla corazza e la fascia in seta, legata sopra, indicano che l'uomo ritratto era membro di un ordine cavalleresco. La lunga spada, uno stocco, e l'elmo piumato, completavano l'armamento, ma avevano soprattutto una funzione simbolica. 

L'impostazione del dipinto corrisponde alla collaudata tipologia del ritratto aulico a figura intera introdotta da Tiziano, tesa a commemorare il ruolo sociale e politico della persona raffigurata attraverso gli attributi di rango. A dispetto di questo schema tradizionale, la vivacità e la penetrazione psicologica del ritratto, il taglio audace della luce di chiara impronta caravaggesca, il virtuosismo nella resa dei differenti materiali, fanno di questo dipinto un capolavoro di straordinaria modernità.

Vademecum

Prenotazione obbligatoria entro due ore prima dell'attività: tel. 051 2193998
Max 10 partecipanti
Ingresso: biglietto museo (€ 6 intero | € 3 ridotto | € 2 ridotto giovani 18-25 anni | gratuito per possessori Card Cultura).
I pagamenti possono essere effettuati solo tramite carte e bancomat.
Info modalità di accesso: www.museibologna.it/arteantica
Informazioni
Collezioni Comunali d'Arte
Palazzo d’Accursio, Piazza Maggiore 6, Bologna
tel. 051 2193998
www.museibologna.it/arteantica

Facebook: Musei Civici d'Arte Antica
Twitter: @MuseiCiviciBolo

Ultima modifica il Venerdì, 11 Settembre 2020 17:45


300x250 Michelangelo - artemagazine.jpg

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio