160x142-banksySarzana.gif

Venerdì, 19 Giugno 2020 16:52

Per le Giornate Europee dell'archeologia 2020 il Parco archeologico di Pompei presenta la squadra dei suoi esperti

Scritto da 

Dall’antropologa all’archeozoologa, dalla paleobotanica, al geologo e poi ci sono gli archeologi, restauratori e gli esperti tecnici. Sono i professionisti che interagiscono in occasione di nuovi scavi, ma anche nello studio quotidiano di reperti già emersi e custoditi dal Parco

NAPOLI - In occasione delle Giornate Europee dell'archeologia 2020 in programma oggi, il 20 e 21 giugno, il Parco archeologico di Pompei porta - virtualmente - alla scoperta delle attività condotte da questi professionisti e del Laboratorio di Ricerche Applicate del Parco, centro nevralgico e sede di confronto della loro ricerche, attraverso brevi video racconti consultabili sul sito web www.pompeiisites.org e le pagine social del Parco.

Il Parco presenta dunque il suo staff di professionisti che interagiscono a Pompei soprattutto in occasione di nuovi scavi, ma anche nello studio quotidiano di reperti già emersi. 

Il 'Laboratorio di Ricerche Applicate' nasce nel 1994 , da un lato con l'obiettivo di approfondire la conoscenza degli aspetti naturalistici del territorio vesuviano e dell'uso delle risorse naturali nel 79 d.C.. Il Laboratorio è, allo scopo, dotato di due camere climatizzate che custodiscono 3.500 reperti antropologici, botanici, mineralogici, paleontologici, petrologici e zoologici, tessuti e legni archeologici. Si occupa del loro studio, del monitoraggio e della conservazione in specifiche condizioni microclimatiche. 

Dall'altro, affronta e studia tutti i problemi inerenti la conservazione, ai fini della tutela e la valorizzazione del sito. I dati provengono dalle ricerche diagnostiche condotti dalle Università nell'ambito di Convenzioni specifiche e/o previste nei progetti di restauro. Il Laboratorio intrattiene rapporti di convenzione con 20 Istituti di ricerca e Dipartimenti italiani e stranieri che supportano le attività di ricerca e di conservazione in situ. Inoltre, è dotato di strumenti tecnologicamente avanzati e ad elevata portabilità per le attività diagnostiche in situ. La sua azione, volta alla tutela del patrimonio archeologico, supporta gli interventi conservativi, di prevenzione e manutenzione sui manufatti e le strutture antiche.

Ultima modifica il Venerdì, 19 Giugno 2020 16:56


300x250-banksySarzana.gif

Flash News

Mostre*

© ARTEMAGAZINE - via degli Spagnoli, 24 00186 Roma - tel 06 8360 0145 - mail redazione@artemagazine.it
Quotidiano di Arte e Cultura registrato al Tribunale di Roma n. 270/2014 - Direttore Responsabile Alessandro Ambrosin
P.IVA e C.F. 12082801007

Chi siamo Archivio